n° 3
Che succede a destra?
Che cosa si sta muovendo nello schieramento politico che solitamente chiamiamo «destra»? Mentre va a chiudersi la lunga e rilevante parentesi berlusconiana, c’è chi tenta di imporsi come nuovo leader, sia all’opposizione sia all’interno della compagine governativa. Nel complesso, emerge ancora una volta la difficoltà che si riscontra in Italia di mettere insieme un’area di conservatorismo simile a quella presente altrove. Nel frattempo, le forze politiche della destra italiana presenti in Parlamento sembrano restare ancora legate a formazioni che faticano a rimanere nei confini di una democrazia.

Indice del fascicolo 3/21

Editoriale

Il tramonto del popolo e la rinascita della plebe

Pietro Rossi

Che succede a destra?

La destra dopo Berlusconi

Alessandro Campi

Conservatori cercansi

Sofia Ventura

Destra e cattolici, tra storia e cultura politica

Michele Marchi

L'estrema destra in Italia fra tradizione e innovazione

Giorgia Bulli

Estrema destra populista e «nazional-femminista»

Francesca Scrinzi

Il fascismo non muore mai?

Steven Forti

Macinalibro

Neofascismo, un viaggio lungo (quasi) un secolo

Matteo Albanese

L'anno scorso a Marienbad

La destra eversiva: un passato che non passa

Guido Panvini

Giovani e uguaglianza di opportunità

Perchè ci vuole un'eredità universale

Elena Granaglia, Salvatore Morelli

Un'eredità per tutti e senza vincoli

Stefano Caria

Che fine ha fatto la mobilità sociale?

Giulia Gitti, Michele Olmi, Giulia Leila Travaglini

I servizi abilitanti dentro e fuori la scuola

Marco Rossi-Doria

La questione dei mutui ai giovani in chiave europea

Sonia Bertolini, Valentina Moiso

Scuola

Stranieri sui banchi

Camilla Borgna

Università

L'università nel PNRR

Roberto Moscati

Politiche urbane

Ripensare da capo le nostre città

Edoardo Zanchini

Movimenti sociali

Vent'anni di movimenti: dalla globalizzazione al clima

Paola Imperatore, Massimiliano Andretta

Intervista

Dieter Grimm

Fernando D'Aniello

Profilo

Nicola Matteucci

Gianfrancesco Zanetti


Gli altri fascicoli dello stesso anno

Brexit per davvero
n° 2

Brexit per davvero

L’osservazione di Dahrendorf secondo cui i referendum popolari non sono strumenti adatti a risolvere le crisi di identità delle nazioni, ha trovato conferma in questi mesi in cui abbiamo visto il processo della Brexit andare avanti, fino a raggiungere il suo punto di svolta, aggravando le diverse crisi che ormai minacciano la sopravvivenza stessa del Regno Unito e della sua monarchia. La mossa disperata degli antieuropeisti, inseguire una indipendenza illusoria per guadagnare qualche piccolo beneficio economico, 

Guarire le nostre democrazie
n° 1

Guarire le nostre democrazie

Questo primo fascicolo del 2021 si presenta con una nuova veste grafica, arricchita da un’illustrazione ispirata dall’assalto del Campidoglio avvenuto all’inizio dell’anno. L’immagine che si riflette nel vetro in frantumi esprime efficacemente la scoperta di una vulnerabilità che non riguarda soltanto la democrazia statunitense. Tale consapevolezza è maturata negli ultimi due decenni, quando ci è toccato assistere allo sgretolarsi di buona parte delle certezze economiche e politiche che ci avevano accompagnato dalla fine della Guerra fredda all’inizio del nuovo secolo.

Scopri gli altri trimestrali

RIVISTA DI CULTURA E DI POLITICA