Viaggio tra gli italiani all'estero. Racconto di un paese altrove

Non è solo la tanto citata «fuga dei cervelli» che viene analizzata in questo volume. Ma più in generale il fenomeno di una nuova emigrazione (spesso non caratterizzata da lavori altamente qualificati). In particolare, si parla di coloro che, in ragione della loro età, dovrebbero costituire l’architrave del Paese in cui sono nati. Quanti sono? Da dove vengono e dove vanno? Che cosa li ha spinti a lasciare l’Italia? Come vedono la loro esperienza di vita? Suddivisi per area geografica – dai principali Paesi che oggi accolgono l’emigrazione italiana in Europa alle aree meno scontate dell’Est europeo, al continente americano, all’Oceania, all’Africa, al Giappone – quaranta italiani che hanno scelto di vivere all’estero si raccontano in altrettante storie autobiografiche. Qualcuno torna. Ma per quasi tutti la vita prende una strada che li allontana progressivamente. EÌ€ anche questo il segno di un declino che, per essere arrestato, richiede all’Italia una visione che possa ridare la fiducia nel futuro che in tanti hanno scelto di cercare altrove. I racconti autobiografici sono preceduti da alcuni saggi di inquadramento sulle caratteristiche qualitative e quantitative dell’emigrazione italiana contemporanea e sono accompagnati da tre contributi dedicati rispettivamente alle forme di rappresentazione dell’emigrazione durante la grande epopea migratoria del secolo scorso, all’autonarrazione all’epoca dei social network, alla rappresentazione cinematografica.

Indice del fascicolo 6/18

presentazione

Tutto il mondo è paese: la nuova emigrazione italiana

Enrico Pugliese

parte prima: i dati

Migranti da sempre

Maddalena Tirabassi

Formazione e reclutamento degli italiani che emigrano

Michele Colucci

I nuovi caratteri dell'emigrazione italiana

Salvatore Strozza, Enrico Tucci

Da dove si parte, dove si va

Corrado Bonifazi

parte seconda: l'esperienza

Nel Regno Unito

Margherita Di Salvo

Vivere costa molto, quindi il tempo è poco

Nicolò Lewanski

Non ci sono traguardi, solo obiettivi

Antonia Di Lorenzo

Appartenere a due mondi

Elena Guidorzi

Tornata da Liverpool, navigo a vista

Francesca Tamarozzi

In Germania

Antonio Sanguinetti

La scelta migliore in questo momento

Silvia Bonapace

Sto a Berlino, ma non mi sento in fuga

Isotta Ricci Bitti

L'istinto di andare a Nord

Giacomo Della Maria

Roma-Berlino, Berlino-Roma

Giorgio Fazio

Con delle nuove gambe

Alessandra Grassi

In Svizzera

Paolo Barcella

Sei niente, senza un lavoro

Isacco Cicero

Ma come hai fatto a lasciare Roma?

Eleonora Failla

La pedagogia della migrazione

Stephen Ferrario

Frontalieri

Erminio Ferrari

In Francia

Ettore Recchi

Storia di un trapianto

Nico Morabito

Un petit accent

Francesca Barca

Da Barcellona a Parigi (col desiderio di tornare)

Giorgio Rivero

Quanta energia spesa per avere una vita normale

Corinna Barchetta

In Spagna

Steven Forti

Dalla scoperta all'adattamento

Matteo Tomasoni

Se sai cosa vuoi, la paura passa

Chiara Puccini

Sarò per sempre un ospite?

Vincenzo Curatola

Sono tornata, ma con un marito argentino

Giulia Peragine

In Belgio

Marco Martiniello, Alessandro Mazzola, Elsa Mescoli

E così, poco alla volta, è per sempre

Eleonora Medda

Si paga tutto, però c'è tutto

Diego Indorato

Un'andata, un ritorno, una nuova andata

Salvatore Scalzo

Puntando su me stessa

Giulia Esposito

In un'altra Europa

Nicola Pedrazzi

Un Paese ci vuole, bisogna capire qual è

Stefano Romano

Qui, per il momento. Poi chissà

Giulia Toniolatti

Per casa il mondo, tornando spesso a Genova

Pierangelo Castagneto

Il cielo sopra Lisbona

Annarita Gori

Un errore mi ha capovolto la vita

Ludovica Banfi

Si va un po' per caso, si torna per scelta

Sandro Noto

Fuori dall'Europa

Delfina Licata

La mia famiglia zulu e la mia patria immaginaria

Anita Virga

Non so per quanto, ma certo molto a lungo

Sergio Padula

Il Giappone, la mia America

Francesco Buscemi

Non è facile. Ma non mi arrenderò ora

Alessandro Spadoni

Para todos los hombres del mundo

Gioia Greco

Dal Sinis al Cerrado

Carlo Patti

I'm an alien, I'm a legal alien

Marco Spataro

Un giorno forse tornerò nella terra dalle lunghe nuvole

Sergio Vallesi

I tartufi di Busca in una grande cucina di New York

Daniele Boldrini

parte terza: la rappresentazione

La scrittura popolare autonarrativa e l'esperienza migratoria

Amoreno Martellini

Blog e social network: l'emigrazione raccontata a sé stessi e agli altri

Alvise del Pra'

Rappresentare il corpo del lavoratore migrante

Agnese Cornelio

Una nuova mobilità, tra identità plurime e lasciti culturali

Piero Bassetti

indice dei luoghi


Gli altri fascicoli dello stesso anno

n° 5

Esiste - come si chiede Massimo Livi Bacci - una “questione demografica” nel nostro Paese? Una situazione di fatto, di natura strutturale, che rappresenta un ostacolo al buon funzionamento della società?

n° 4

Com'è cambiato il lavoro in Italia? Quali sono i caratteri distintivi delle nuove occupazioni, dei rapporti tra lavoratori e datori di lavoro?

n° 3

La spaccatura dell’Europa era evidente da molto tempo. Ma se sinora sembrava possibile una qualche forma di ricomposizione, almeno all’interno del cosiddetto fronte anti-sovranista, i cambi di governo che hanno alterato gli equilibri politici continentali, a cominciare da quello italiano, modificano profondamente lo scenario.

n° 2

La crisi politica che blocca l’Italia richiede analisi di lungo periodo, più che pezzi di colore. Per quanto la politica italiana ci abbia abituato, in particolare nell’ultimo quarto di secolo, a non poco colore.

n° 1

Il 2018 apre un nuovo triennio del «Mulino». Con un nuovo direttore, un comitato di direzione rinnovato, una nuova redazione. E una nuova copertina, disegnata e colorata quanto basta per mettere in evidenza il filo conduttore del fascicolo.

Scopri gli altri trimestrali

RIVISTA DI CULTURA E DI POLITICA