Rivista il mulino

GERMANIA
Gabriele D'Ottavio, 22 May 2012

Schiaffo alla Cancelliera. La recente sconfitta del partito di Angela Merkel in Nordreno-Vestfalia, il Land più popoloso della Germania, potrebbe delineare una piccola cesura storica, così come l’aveva segnata nel 2005 la perdita della regione da parte della Spd, che all’epoca la governava da 39 anni.

[...]
Marcello Neri, 15 May 2012

Il debito impagabile e il rigore della memoria. Il pragmatismo rigorista della cancelliera Merkel, rispetto all'attuale congiuntura economica, è ben più di una semplice tecnica di governo volta a far fronte allo stato eccezionale di crisi in cui si trovano i Paesi dell'Unione.

[...]
Redazione, 12 April 2012

I testi raccolti in questo volume costituiscono uno dei contributi più ampi e articolati sulla Germania nazista della cosiddetta Scuola di Francoforte. Durante le fasi cruciali del secondo conflitto mondiale, in qualità di analisti dell’Office of Strategic Services,

[...]
Gabriele D'Ottavio, 06 April 2012

Angela e i Pirati. Mentre in Italia si parla (spesso a sproposito) di sospensione della democrazia, in Germania si vota continuamente. Dopo l’elezione parlamentare del nuovo presidente della Repubblica, Joachim Gauck, la piccola regione della Saar ha votato il 25 marzo scorso

[...]
Piero Ignazi, 20 February 2012

I politici tedeschi non sono mai stati un modello di virtù cristalline. Negli anni Ottanta uno scandalo finanziario travolse l’intera dirigenza del partito liberale e in seguito lo stesso padre della patria riunificata, Helmut Kohl, dovette subire gli strali della giustizia per finanziamenti illeciti al partito. I casi di corruzione di vario genere non sono estranei alla vita politica tedesca. Non per nulla in Germania si diffuse fin dagli anni Novanta un sentimento di fastidio nei confronti della politica e dei partiti, bollato dall’allora presidente della Repubblica tedesca Richard von Weizsacker come "Politik und Parteienverdrossenheit". Atteggiamenti da primi della classe pronti ad ammonire e redarguire altri Paesi per le loro manchevolezze sono quindi del tutto fuori luogo.

Purtroppo è prevalso questo riflesso nella politica europea della Germania. In questi ultimi anni la cancelliera Angela Merkel si è dimostrata disastrosamente inadatta al ruolo di leader continentale che le circostanze le assegnavano. Invece di guidare con mano ferma ma con atteggiamento cooperativo la crisi economica dell’Unione, ha badato ai propri interessi nazionali. Ha potuto farlo grazie alla debolezza politica della Francia di Nicolas Sarkozy, francamente patetico nella sua impotente burbanza durante le conferenze stampe comuni con la cancelliera, all’inesistenza italiana (to say the least…) e alle difficoltà interne degli altri Paesi di media grandezza come Spagna e Polonia.  

La Germania ha avuto per la prima volta l’opportunità di occupare un ruolo di leadership “palese”.  Solo che ha occupato lo spazio lasciato libero dalle altrui inadeguatezze senza esercitare una leadership in senso proprio. Angela Merkel non sta guidando l’Europa fuori dalle difficoltà dell’Unione.

[...]