Rivista il mulino

Content Section

Central Section

immagine
Send to Kindle
Dal numero 2/2017
Tzvetan Todorov
rubrica
tag

In un’epoca che ha consegnato la figura dell’intellettuale organico al dimenticatoio, appare chiaro come proprio alcune figure considerate strutturalmente «disorganiche» abbiano svolto una funzione centrale di orientamento critico e di ancoraggio riguardo a forme nuove, e per lo più singolari, di impegno civile. Non in termini partitici, e neppure movimentistici, ma quali coscienze critiche di una società europea sempre più afflitta e straziata nel corso di questi ultimi anni, attraversata da veleni e pessime tentazioni.

Uno di costoro, allergico alle ideologie novecentesche (di cui aveva denunciato il carattere oppressivo, le degenerazioni realizzate e la programmatica volontà di annichilimento della libertà e personalità degli individui), geneticamente irregolare e inquieto, è stato Tzvetan Todorov, nato a Sofia il 1o marzo 1939 e scomparso a Parigi il 7 febbraio scorso, all’età di 77 anni. Uno studioso versato negli attraversamenti disciplinari e predisposto alla contaminazione. Un autentico «umanista contemporaneo» – come venne definito in Francia – e un instancabile intellettuale pubblico, neoilluminista, europeista e antitotalitario. Un teorico della letteratura, storico delle idee (categoria che lui stesso prediligeva rispetto a quella di filosofo) e saggista. Un accademico «a 18 carati» – giunto nella Ville Lumière nel 1963 per il dottorato, fu allievo di Roland Barthes e poi approdò al Cnrs (il Centre national de la recherche scientifique), intraprendendo una brillante carriera che lo avrebbe portato a diventare direttore del Centre de recherches sur les arts et le langage presso l’Ecole des hautes études en sciences sociales – ma profondamente insofferente nei confronti di qualunque espressione esacerbata di accademismo. Una figura insignita di molti riconoscimenti per i suoi plurimi contributi ai saperi sociali – tra i quali possiamo ricordare il Premio Principe delle Asturie per le Scienze sociali, il Premio Charles Lévêque dell’Accademia francese di Scienze morali e politiche, il Premio Maugean dell’Académie Française (assegnato annualmente all’opera che viene giudicata «maggiormente utile al bene pubblico») e l’italiano Premio Nonino – e vocata alla rottura degli steccati tanto nel sapere quanto nel modo di pensare la società (per farla migliore) e l’umanità (per renderla «più umana»). 

 

[L'articolo completo, pubblicato sul "Mulino" n. 2/17, pp. 313-317, è acquistabile qui]