Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Send to Kindle
Il Lingotto degli sbadigli
rubrica
  • Identità italiana

C’era una volta un partito, autodefinitosi «democratico», il cui segretario aveva subito tre gravi sconfitte una dietro l’altra: le elezioni amministrative in giugno, un importante referendum in dicembre, un pezzo di dirigenti e militanti alla fine di febbraio. Il segretario, dimessosi dalla presidenza del Consiglio, come aveva promesso parecchio tempo prima, ma non ritiratosi dalla vita politica, come aveva egualmente promesso, lanciò il procedimento statutariamente previsto per l’elezione del nuovo segretario. Da posizione di forza, in quanto segretario uscente, organizzò la sua convention in un luogo simbolo (dove una volta c’erano gli operai metalmeccanici) all’insegna dello slogan «Tornare a casa per ripartire insieme». Trattandosi del lancio della candidatura a segretario di un partito organizzativamente disastrato (giungevano anche rumori di tesseramenti truffaldini e invalidati, di blocchetti di tessere comprate, fenomeni, peraltro, non nuovi), qualcuno si aspettava legittimamente un serrato dibattito sullo stato del partito, sulla sua conduzione, sulla sua presenza sul territorio, sul suo funzionamento, sul suo futuro. Fra gli «attendisti» non si trovavano i commentatori scafati e i giornalisti retroscenisti, troppo difficile per loro chiedersi che cosa è, può essere, dovrebbe diventare un partito in termini di strutture e di personale politico. Ancora più difficile andare a raccogliere numeri, magari in una anche corta serie storica (dal 2007 al 2017? oppure soltanto nel periodo renziano), relativi agli iscritti e al loro andamento, alle loro fasce d’età, alle loro attività lavorative. Quel che non fanno giornalisti e commentari faranno certamente, in un partito decente, i dirigenti, meglio se sono quelli «responsabili dell’organizzazione». Almeno così funzionava un partito predecessore, quello comunista. Talvolta, messi alle strette anche i dirigenti dell’altro partito predecessore, la Democrazia cristiana, raccoglievano e davano i numeri. Nei loro congressi entrambi parlavano dello stato del partito, consapevoli che le politiche sono variabili dipendenti dalla capacità di un’organizzazione di formularle, farle procedere nelle sedi opportune, a cominciare dal Parlamento, portarle ai loro iscritti e militanti che le pubblicizzino, non con uno/cento/mille tweet e like, ma discutendo con altre associazioni e con gli elettori.

Tecnicamente, anche dopo la scissione, il Partito democratico è l’unico organismo che merita in Italia l’etichetta di partito. Toccava al candidato segretario e ai suoi sostenitori cogliere l’occasione del Lingotto per disegnare, in un confronto di idee e di proposte, quale modello di partito desiderano costruire nel prossimo, vicino futuro. Sì, una riflessione autocritica sarebbe stata utile. Qualcosa, o molto, è andato storto proprio nelle attività del partito. Capire che cosa e sapere chi sono i responsabili servirebbe a evitare errori simili e a rimuovere dalle loro posizioni chi li ha commessi. Dopo tanti discorsi e annunci su Partito della Nazione e Partito di Renzi, ascoltare i pro e i contro di ciascuna opzione, magari aggiungendone altre, non già sorpassate, come il partito «leggero», e sentirle discutere, sarebbe stato doveroso. Infine, per tutti coloro che pensano, sulla base di buone letture e di analisi comparate, che un partito diventa e rimane tanto più solido quanto più si basa su una cultura politica condivisa in grado di interpretare la società e il mondo, ascoltare di quale cultura è fatto il Pd, che non è riuscito ad amalgamare le fatiscenti culture cattolico-democratica e comunista, e neppure altri riformismi deboli, sarebbe stato confortante.

Invece, al Lingotto si è eseguita l’unica operazione che Renzi conosce: combinare, sul facsimile delle Leopolde, proposte programmatiche con la passerella per ministri nessuno dei quali ha parlato né di partito né di cultura politica né di come ristrutturare, anche con l’apporto di una legge elettorale adeguata, il sistema dei partiti e le modalità della competizione, né di come dotarsi di un sistema di riferimenti e di valori che ricompattino una società slabbrata, confusa, corporativa: altro che ipocritamente lodata come più veloce della politica! Insomma, al Lingotto sono mancate tutte le riflessioni indispensabili sia per «tornare a casa» sia «per ripartire»: con quale veicolo? «Insieme» a chi? Con quale visione? Non resisto a non citare le parole conclusive del racconto di Marco Imarisio pubblicato sul «Corriere della Sera» (12 marzo, p. 6): «E pazienza per gli sbadigli».

>> Un commento del direttore

Caro Gianfranco,

immagina gli sbadigli che Imarisio avrebbe registrato se al Lingotto ci fosse stato «…un serrato dibattito sullo stato del partito, sulla sua conduzione e la sua presenza sul territorio», con una sfilata di segretari regionali, cittadini e di circolo a raccontare le esperienze positive e negative delle loro realtà locali. Come sai benissimo, i partiti, leggeri o pesanti che siano, sono in crisi in tutt’Europa. In Italia, poi, di partiti con una vaga rassomiglianza a quelli del passato ne è rimasto uno solo – lo riconosci tu stesso – e te la prendi con questo, essendo difficile prendersela con partiti che non ci sono e non si vedono. Come nella famosa barzelletta dell’ubriaco che cerca le chiavi perdute sotto un lampione: «Ma le hai perse lì?» - «No, ma qui ci vedo». Ora, tra i partiti che non ci sono e non si vedono ce n’è uno che forse ha superato il Pd come consensi elettorali e che problemi di democrazia e rappresentanza dei territori proprio non si pone o pensa di risolverli con qualche click sulla tastiera di un computer. Non sarebbe il caso di puntare i riflettori su questo?

Quella del Lingotto è stata una festa elettorale per Renzi, per uno dei candidati alla segreteria, e uno se l’organizza secondo i suoi criteri: tra questi era anche previsto un seminario sulla forma partito che si è svolto con grande partecipazione. E sicuramente ci saranno occasioni dell’intero partito, politiche e di studio, più idonee ad analizzare i problemi che giustamente poni e prendere decisioni al riguardo. Quanto al Mulino, abbiamo già chiesto a Luciano Fasano e ai suoi collaboratori – ora occupati a registrare gli orientamenti tra i partecipanti al Lingotto – di darci tutti i «numeri» che chiedi.

[Michele Salvati]