Rivista il mulino

Content Section

Central Section

immagine
Send to Kindle
Senza regole
rubrica
  • la nota

Quella di sabato scorso è stata la ventisettesima Lettura del Mulino. Da quando le Letture annuali si tengono in Santa Lucia - per i non bolognesi, l'Aula Magna dell'Università - non si era mai vista così tanta gente. Eppure, e basta scorrere rapidamente l'elenco per accorgersene, ci sono state molte Letture belle e importanti, per il tema e per il lettore. Ma sabato Sabino Cassese e i suoi dubbi sull'esistenza di uno Stato “insufficiente” hanno raccolto tante persone come non mai.

Il merito, naturalmente, va allo studioso, al professore di fama internazionale che ha accompagnato il suo lavoro con l'impegno civile e politico. Ma il successo dell'appuntamento dipende anche dal tema prescelto: una società, la nostra, che deve scontare uno Stato troppo debole. Non poco Stato, ché come vediamo ogni giorno per certi versi ne abbiamo sin troppo. I danni provocati dallo statalismo e dall'assistenzialismo di Stato non possono certo far rimpiangere certe logiche. Ma assenza di Stato intesa come mancanza di un "un severo minimo di governo", di un minimo regolatore comune, di uno Stato la cui autorevolezza non venga posta in dubbio e anzi sia riconosciuta senza distinzioni di alcun tipo, neppure territoriali. Le tante celebrazioni per i centocinquant'anni dell'Unità hanno sottolineato, come ha fatto in apertura lo stesso Cassese, i progressi straordinari compiuti dall'Italia e dagli italiani in un secolo e mezzo. Ma, almeno le più franche, al tempo stesso non hanno potuto celare le enormi differenze che separano oggi il Paese. Tra Nord e Sud, ovviamente (60.000 italiani ancora oggi migrano ogni anno verso Nord). Ma anche in termini di diseguaglianze e impari opportunità. In un panorama diseguale e caratterizzato da profondi squilibri, c'è in realtà un punto che ci unisce, a dispetto di tutti i tentativi di normare i comportamenti. Pur nelle sue diverse sfumature, è il rapporto con le regole. Di volta in volta può essere disprezzo, insofferenza, fuga. L'incapacità di riconoscere un corpus di norme imprescindibili, rispetto alle quali il comportamento, sia da parte di un individuo, un'azienda o un ente, risulta vincolato.

Tutto ciò è stato ampiamente studiato e spiegato e dunque non può stupire neppure l'osservatore più disattento. Eppure conviene ricordare come dipenda in gran parte proprio dall'assenza di Stato. Pur senza alcuna concessione a una visione di stampo paternalistico, è indubbio che uno Stato incapace di definire poche regole chiare, e abilissimo invece a produrne in grande quantità confuse e contraddittorie, costituisce il migliore alibi possibile per chi si sente libero, o peggio ancora in diritto, di fare più o meno ciò che vuole. Ci è stato ripetuto in ogni modo, in quest'ultimo ventennio: possiamo vivere nella casa delle libertà, sentendoci liberi, o con l'illusione di esserlo, di fare ciò che più ci piace. Un piccolo abuso edilizio, come fanno tutti; una raccomandazione per aggirare le strettoie di un'assunzione; una fattura in meno, perché saremo mica fessi.

Ma la libertà senza regole è una finta libertà, che a poco o a nulla serve per crescere. E, anzi, ci fa restare stupidi, illusi di avere trovato la chiave di una felicità personale a scapito di un Italia che, poco alla volta, rischia di ritornare a essere quella che due secoli or sono Goethe così descriveva: "Questa è l’Italia che lasciai. Sempre polverose le strade, sempre spennato lo straniero, qualunque cosa faccia. Cerchi invano la probità tedesca; qui c’è vita e animazione, non ordine e disciplina; ciascuno pensa solo a sé e diffida degli altri, e i reggitori dello Stato, anche loro, pensano a sé soli".

Se è questo che vogliamo, non resta da fare che una cosa: assolutamente nulla.

 

Il testo della Lettura di Sabino Cassese uscirà sul primo numero del 2012.

:: per ricevere tutti gli aggiornamenti settimanali della rivista il Mulino è sufficiente iscriversi alla newsletter :: QUI

Comments
roberto alessi, 02-12-2011, 12:57
Non si riesce a venire fuori da questo equivoco sullo Stato che in Italia c'è, ma non c'è allo stesso tempo.
Eppure i segnali sono molti, l'articolo 64 della Costituzione (il parlamentare non ha vicolo di mandato), l'irridente indifferenza con cui il potere ha trattato i risultati di tanti referendum, l'uso del denaro pubblico come "sine cura", e così via.
Se poi vogliamo avere una conferma diretta è sufficiente confrontare le retribuzioni di chi per lo Stato lavora con tutti quelli che devono produrre beni e servizi per guadagnarsi il pane; un confronto indecente per lo Stato.
La realtà è che l'Italia è una democrazia fittizia, formale,  tutt'altro che liberaldemocratica.
Le regole. le leggi, che questo Stato produce non possono valere, eticamente, più di quanto valga, sempre eticamente, il gruppo di persone che lo produce.
Sono troppe, spesso incomprensibili, altrettanto spesso inaccettabili per chiunque abbia una coscienza civile.
E coloro che le applicano si comportano in modo da renderle ancor meno eticamente condivisibili.
La sostanza di tutto è che al centro del potere in Italia non ci sono i cittadini ma il potere stesso e tutti coloro che per lui lavorano.
Non si è mai sentito un capo dello Stato che incitava le istituzioni ad andare verso i diritti dei cittadini.
Sentiamo solo sermoni sulla santa e sacra Costituzione, da parte, invariabilmente, di persone che  grazie a lei vive comodamente da sempre.
Eppure chi l'ha redatta era in gran parte figlio di ideologie autoritarie, e si vede bene.
Lo Stato Italiano e le sue regole sono allora così distanti dal senso civile di moltissimi degli abitanti dello stivale che non riescono a incutere sensi di colpa in chi se ne infischia.
Esiste in Italia una distanza abissale tra governanti e governati, in cui trovano spazio solo mere questioni di denaro, compravendita di diritti inesistenti in cambio di poltrone.