Rivista il mulino

Content Section

Central Section

immagine
  • Condividi Condividi
  • Stampa Stampa
Send to Kindle
Miracolo all'italiana
rubrica
  • la nota

La maggior parte dei commentatori, italiani e stranieri, sta celebrando il miracolo di un Paese che, improvvisamente, pare uscito dal torpore televisivo nel quale era immerso. Un Paese che, ridestatosi, si preparerebbe a relegare un indebolito Silvio Berlusconi nel dimenticatoio della storia. In breve, in Italia sarebbe in corso una di quelle svolte di cui la storia italiana trabocca, un nuovo episodio della versatilità per cui è noto il suo popolo. Non si tratta che di cliché, nient’altro che di cliché che fanno pensare ad altre idee preconfezionate assai diffuse, secondo cui gli italiani, tutti fascisti, nell’estate del 1943 decisero tutti da un giorno all’altro di passare dall’altra parte. In effetti, viene da pensare che un miracolo si sia repentinamente prodotto, se si considera che l’Italia dal 1994 è diventata un regime, una telecrazia che stabilisce un totalitarismo sottile, una tirannia della maggioranza, e che Berlusconi rappresenta alla perfezione lo stato d’animo immutevole degli italiani: poco istruiti, senza senso civico, ottenebrati dalla televisione, preoccupati unicamente di soddisfare i propri interessi e quelli delle loro famiglie. A dispetto delle due sconfitte subite da Berlusconi, sino a pochissimo tempo fa siffatte analisi erano molto diffuse, tanto diffuse da alimentare la favola di una maledizione strutturale della democrazia italiana.

Al contrario, per chi ha sempre valutato la situazione italiana come caratterizzata da tendenze contraddittorie e antagoniste che minavano la sua democrazia il ragionamento è completamente diverso. L’Italia vive mutamenti molto contrastati. Da una parte, per ricorrere alla formula adottata da Bernard Manin, vi è l’ascesa al potere della “democrazia del pubblico”, incarnata da Silvio Berlusconi con la presidenzializzazione, la personalizzazione e la mediatizzazione a oltranza della vita pubblica, e, in più, con il suo conflitto di interessi. Dall’altra parte, vi è poi l’affermazione di comportamenti e sentimenti antipolitici, che fustigano la classe politica nel suo insieme e provocano un progressivo allontanamento dalla cosa pubblica. Ma vanno registrati anche i tentativi di aggiornamento delle istituzioni della democrazia liberale e rappresentativa, che ben illustrano il ruolo sempre più centrale, importante e legittimato del presidente della Repubblica e la popolarità di cui gode, o, ancora, la progressiva diffusione delle primarie del Pd e del centrosinistra. Infine, la gestazione che freme e ribolle, pur nella sua incertezza, di una democrazia partecipativa, con un grande coinvolgimento dei giovani che utilizzano tutte le risorse del web.

L’insieme di questi elementi dà forma a una configurazione dinamica, secondo l’espressione di Norbert Elias, di cui, in questo momento, la dislocazione interna, per diverse ragioni fattuali – il deterioramento della situazione economica e sociale, l’usura di Berlusconi e gli errori a ripetizione di cui è stato protagonista – si modifica notevolmente. Ciò non significa che il berlusconismo sia concluso, ma che si è aperta una nuova fase. Senza sapere ancora, tuttavia, quale di queste tendenze prevarrà e chi nel sistema politico, nel senso classico del termine, sarà in grado di conquistare le prossime scadenze elettorali.

:: per ricevere tutti gli aggiornamenti settimanali della rivista il Mulino è sufficiente iscriversi alla newsletter :: QUI

Comments
altrestorie , 21-06-2011, 21:15
Credo che nell'analisi non si tenga conto di un fatto, cioè dei numeri elettorali.
Berlusconi nel '94 vinse perchè centro e sinistra si presentarono divisi e al  senato comunque non aveva la maggioranza che arrivò grazie a Tremonti eletto con il Patto . Nel 2001 ha vinto perchè la sinistra fece di tutto (la cacciata di Prodi, il governo d'alema politicamente poco legittimo, la guerra..). Stroia parzialmente ripetuta nel 2008. In quelle elezioni il pdl ebbe il 39 % dei voti validi, più il 7 dewla Lega, che sul tortale dell'elettorato era il 28+il 4 . Una corposa minoranza trasformata in maggioranza assoluta grazie ad una legge truffa. in sinetsi anche nei momenti migliori Berlusocni ha rappresentato si è nò un terzo degli italiani.
le Tv e la stupidità della sinistra gli hanno consentito di diffondere nell'immaginario collettivo che lui rappresentava la maggioranza degli italiana. Ma è stata uan grande bugia che oggi si è spezzata perchè per un mucchio di ragioni il cortocircuito mediatico non funziona più
maria cristina, 20-06-2011, 15:38
 Molto dipenderà anche dalla legge elettorale. cambiarla appare allo stato attuale tanto imperativo quanto utopistico!