Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Memoria /memorie

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17
L'importanza di Fossoli
, June 13, 2012

«L'alba ci colse come un tradimento; come se il nuovo sole si associasse agli uomini nella deliberazione di distruggerci. I diversi sentimenti che si agitavano in noi, di consapevole accettazione, di ribellione senza sbocchi, di religioso abbandono, di paura, di disperazione, confluivano ormai, dopo la notte insonne, in una collettiva incontrollata follia. {C}

Terremoti e presenza del passato
, May 21, 2012

A distanza di quasi trentadue anni dal terribile terremoto che colpì l'Irpinia, ogni volta che la terra trema si torna a discutere dell'incuria che accompagna il patrimonio storico artistico italiano, della forsennata cementificazione del territorio, delle norme antisismiche ignorate. Lo scritto di Giovanni Urbani, che qui ci piace ripubblicare, risale appunto al 1980: riletto oggi, sorprende per la sua sconcertante attualità.

Gli oggetti per narrare una storia
, May 17, 2012

Quando, alla fine degli anni Settanta, il Congresso stabilisce la necessità – etica, storica, politica – di realizzare un museo nazionale dedicato allo sterminio ebraico, gli Stati Uniti si trovavano nel pieno della Guerra fredda. Raggiungere i luoghi in cui si era effettivamente svolto l'annientamento sistematico degli ebrei d'Europa poteva essere difficile per i più, anche se ex campi come Auschwitz e Treblinka erano già stati oggetto di una trasformazione memoriale e museale.

E se il corpo del reato si facesse arte?
, March 14, 2012

Lo spazio è il problema principale di tutti gli archivi, che siano amministrativi, storici, ma anche privati. Tribunali, biblioteche e musei rappresentano tre casi particolari, ma non fanno eccezione. Uno spazio sempre più prezioso: man mano che si ricevono nuovi materiali da incamerare è necessario fare uno spoglio dell'esistente

In punta di piedi sulla storia
, February 2, 2012

A partire dalla metà degli anni Novanta del Novecento vennero inseriti in alcuni marciapiedi di città tedesche (Berlino, Colonia e altre) i primi Stolpersteine – letteralmente tradotto pietre d’inciampo – sampietrini di 10 cm per 10 contraddistinti da una superficie di ottone lucente a ricordo della deportazione.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17