Rivista il mulino

Content Section

Central Section

la nota
La grande slavina, atto secondo
, January 18, 2011

Per certi aspetti le nuove e gravissime accuse rivolte al presidente del Consiglio e al suo entourage ricordano la rivelazione degli scandali di Tangentopoli. Tutti sapevano, alcuni episodi erano già divenuti di dominio pubblico, qualche pesce piccolo era stato preso con le mani nel sacco. Eppure si andava avanti come se niente fosse. Questo sino a che la misura non è diventata colma, ed è partita “la grande slavina”. Oggi siamo a questo punto limite. La sconcezza di un presidente del Consiglio che partecipa – e chiede ai suoi accoliti di organizzare – festini con ragazze retribuite e tenute a disposizione, inclusa una minorenne, impongono una presa di posizione netta sul piano politico e sul piano morale. Chi scrive, in anni lontanissimi è stato a fianco del movimento di liberazione sessuale, ivi compreso quello omosessuale, quando il solo parlare di omosessualità suscitava ribrezzo e sarcasmo nell’opinione pubblica. Riteniamo che le preferenze affettive e sessuali siano un affare personale insindacabile e non avremmo alcun problema, né ci permetteremmo alcuna critica, di fronte alla vita privata libertina di chiunque, anche di chi ci governa. (Certo, se poi lo stesso partecipa entusiasta alle manifestazioni in difesa della famiglia, qualche piccolo problema di coerenza esiste, anche tra chi lo accoglie in tali manifestazioni.)

Tunisia-Italia 1 a 0
, January 17, 2011

A Capodanno sono stato in Tunisia. L’agenzia di viaggio ci ha portato in un hotel faraonico poco fuori Hammamet: cinque stelle per avere i servizi di un due stelle italiano. La tv locale sembrava quella italiana: parlava d’altro. Non si riusciva ad avere neanche i giornali tunisini in francese e in arabo, tutti controllati dal governo, figurarsi quelli italiani; quando chiedevo alla reception, i portieri cadevano dalle nuvole. Eppure, alcune cose non si poteva fare a meno di notarle. Le gigantografie del presidente Ben Alì in doppiopetto, ad esempio: da chi avrà imparato? Ma anche il consiglio ai turisti di girare in gruppo. Per paura della malavita? Macché, della polizia.

Mirafiori e Dongguan
, January 10, 2011

Ridurre la pausa da 40 a 30 minuti è davvero così inaccettabile, se in mezzo c’è il rischio di perdere il posto di lavoro? Messa così la domanda, la risposta è ovvia. Questo non è il ragionamento di Marchionne, che, da un suo solido punto di forza, semplicemente pone l’alternativa, ma di gran parte dei politici, di destra e di sinistra, della Confindustria, di gran parte del  sindacato  e dei giornalisti più autorevoli della stampa che conta. Vale a dire delle persone che in assenza di una consultazione diretta dei cittadini  interpretano sulla base di mandati diversi e più o meno robusti il sentire della maggioranza della nostra società. In realtà la domanda mi pare ponga un’alternativa in modo scorretto. Si potrebbe infatti rispondere che di questo passo si arriva alle condizioni di lavoro del Quangdong (in proposito, per rendersene conto, consiglio la lettura di Operaie, di Leslie Chang). Alla luce di questa giusta replica, che ricorre allo strumento retorico di portare l’argomento all’estremo, il problema mi pare debba essere posto in termini diversi. In Europa (in Italia, in Germania) e negli Stati Uniti (anche se in misura minore che in Europa), il lavoratori, in alcuni casi anche attraverso la sanzione di leggi, hanno ottenuto che il lavoro debba essere espletato nel rispetto di certe condizioni di tutela dell’integrità personale, della dignità del modo di espletarlo e di remuneralo; condizioni  che oggi i lavoratori cinesi e polacchi non hanno.

Auguri, Italia!
, December 31, 2010

Stelle di Natale, slitte trainate da renne, Santa Klaus vestito di rosso, giochi pirotecnici, champagne per brindare al nuovo anno: queste son le cose che ci vengono in mente quando viviamo le festività natalizie e di fine anno. Ma in Italia “il governo del fare”, impegnato in una titanica opera riformatrice, ha posto all’attenzione dell’opinione pubblica, in questo scorcio finale del 2010, una tematica di rilievo: i giochi di prestigio. L’esempio più alto è stato fornito dalla vicepresidente del Senato, esponente della Lega, la senatrice Rosi Mauro, durante il dibattito sulla legge Gelmini di riforma dell’Università. La senatrice Mauro deve avere una non piccola parte di sangue napoletano (e fors’anche marocchino) nelle sue vene. In fondo siamo tutti un po’ meticci. E così nel presiedere quella seduta ha tratto spunto dal gioco delle tre carte, reinterpretandolo creativamente e trasformandolo nel gioco dei sette emendamenti. Carta vince carta perde è così diventato “emendamento approvato emendamento respinto”.

Alieni dalla politica
, December 26, 2010

Il tema dell’identità nazionale italiana non può prescindere dal momento fondativo dello Stato. È nella seconda metà dell’Ottocento che prendono forma alcuni caratteri costitutivi rimasti impressi nella dimensione che potremmo definire dello spirito pubblico nazionale. L’Italia, come è noto, nasceva inglobando al proprio interno linguaggi, interessi e culture tanto eterogenei quanto polverizzati in una miriade di orgogliosi localismi che non si percepivano tali. Questi aspetti mantenevano una parte considerevole della spinta centrifuga originaria, pericolosa in quanto il nuovo Stato si presentava con evidenti limiti di legittimazione politica dei nuovi ordinamenti.