Rivista il mulino

Content Section

Central Section

la nota
Il laboratorio italiano
, April 29, 2013

La crisi politica italiana aperta dalle elezioni del 24 e 25 febbraio scorsi può essere analizzata sotto il profilo di criteri nazionali che in questo caso sono numerosi e costituiscono innegabilmente una specificità.

Innanzitutto, è aumentata l’astensione. I tre partiti di governo, Pd, Pdl e Udc, hanno perso 11 milioni di elettori rispetto al 2008. L’Udc è scomparso, il Pd è sull’orlo dell’implosione e il Pdl è tenuto insieme solo grazie al suo leader; mentre il Movimento 5 Stelle è diventato il primo partito italiano, con il 25,5% di voti alla Camera. La quadriglia bipolare che sembrava organizzata dal 2008 attorno al Pdl e al Pd, affiancati dalla Lega Nord e dall’Italia dei Valori, è così rimessa in causa. Oggi emerge un trittico squilibrato, con un bipolarismo eroso e un movimento che rifiuta la forma partito. Il meccanismo diabolico della legge elettorale ha provocato una situazione inestricabile di ingovernabilità. Perciò, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nuovamente eletto, ha ripreso in mano le carte per tentare di superare questa impasse. Ha sondato la disponibilità di Enrico Letta a formare un governo e ha chiaramente indicato un piano d’azione: un esecutivo di larghe intese che abbia l’incarico di riformare la legge elettorale

Lo schermo dell'obbedienza
, April 22, 2013

In giro per l’Italia, da Nord a Sud, le scuole materne si stanno riempiendo di telecamere. Ora si tratta di impianti a circuito chiuso, ora di webcam, ma sempre lo scopo è permettere ai genitori di controllare quel che accade ai propri figli. Li spiino dall’interno della scuola, rimanendo nascosti nella stanza accanto, o li scrutino sullo schermo di un computer, le mamme e i papà si sentono più tranquilli. I tempi sono grami, sostiene qualcuno di loro, e gli abusi sui minori sono all’ordine del giorno; naturalmente, in questo caso, l’occhio elettronico è orientato più sugli educatori che sui bambini. Altri invece immaginano di stare così vicino ai figli, e di seguirli anche da casa o dal posto di lavoro.

C’è chi di tutto questo si dispiace e si indigna. I primi a farlo, a buon diritto, sono ovviamente gli educatori, su cui grava un pregiudizio infame. Poi c’è chi paventa l’effetto dell’occhio elettronico sul rapporto educativo: che cosa potrà restare della sua spontaneità e della sua dolcezza, esposto com’è a una continua intrusione mediatica? Per altri ancora il senso di autonomia dei bambini rischia d’essere compromesso dal peso di un controllo angosciato e angosciante. E i più pessimisti si preoccupano che tale ossessione “onnivisiva” finisca per estendersi, passando dagli asili alle scuole e ai posti di lavoro.

Che tipo di presidente della Repubblica serve all’Italia?
Autorevole, innanzitutto
, April 15, 2013

Che tipo di presidente della Repubblica serve all’Italia? In primo luogo un presidente che sia un custode e un garante della Costituzione, vale a dire che difenda le istituzioni da forzature populiste e demagogiche. Finora il clima sociale non si è praticamente mai increspato, segnando una bonaccia quasi costante, e quindi il sistema non è stato sottoposto a tensioni forti. Ma non è detto che, perdurando la crisi, anche questo stato di quiete perduri; e il nostro Paese ha una triste tradizione di violenza politica e sociale. È vero che non ci sono più né le ideologie millenaristiche né i fautori dell’ordine e della gerarchia, ma l’esasperazione nei confronti dei partiti e delle stesse istituzioni (ma anche delle banche, addirittura più invise dei partiti detto en passant: dati Swg aprile 2013) può portare a esplosioni incontrollate. Fin qui il ribollire di ansie e frustrazioni si è soprattutto riversato nel Movimento 5 Stelle, travolto da un successo imprevisto e di difficile gestione. Per il futuro non sappiamo. Quindi, un presidente che abbia la propria bussola ideale nella Costituzione assicura una gestione ferma e sicura di fronte a possibili – e anch’essi imprevedibili – scenari di crisi sociale e, inevitabilmente, politica.

In secondo luogo serve un presidente che abbia un riconoscimento internazionale.

Senza governo
, April 8, 2013

Nelle confuse discussioni degli ultimi giorni, è emersa una singolare opinione secondo cui, per l’Italia, avere un governo in questo momento non sarebbe poi così importante. Basterebbe far funzionare il Parlamento, mantenendo in carica l’esecutivo Monti per l’ordinaria amministrazione. È un’opinione non condivisibile per diversi motivi.

Il primo, e più importante, è che l’Italia ha bisogno di partecipare con un governo con pieni poteri al policy-making europeo. L’Europa sta scherzando col fuoco: la sua complessiva impostazione di politica economica è ancora dominata dal partito estremista del rigore di bilancio, secondo il quale l’unica cosa importante sono i saldi di finanza pubblica degli Stati membri. Ma con questo fuoco rischiamo di bruciarci noi, insieme agli altri Paesi del Sud. Questa politica economica produce effetti asimmetrici, e rischia di rendere permanente la depressione economica in molti Paesi, fra cui il nostro. Con conseguenze difficili da immaginare, ma che possono portare, all’estremo, fino alla disintegrazione dell’euro o oltre ancora. Una simile politica, per quanto possibile, va contrastata. Con maggiore flessibilità, soprattutto relativa ai tempi, nel fissare gli obiettivi di finanza pubblica, lasciando qualche margine maggiore a politiche espansive. Con una maggiore capacità di guardare al lungo periodo, cercando spazi per sottrarre almeno alcune categorie di investimenti pubblici, quelli che servono alla competitività dell’economia europea, dai vincoli più stringenti.

Alfabetizzazione e politica
, April 2, 2013

Nei giorni scorsi un articolo di Simonetta Fiori ha messo di nuovo in luce un fenomeno che meriterebbe più attenzione. Tra i Paesi avanzati l’Italia mostra livelli di alfabetizzazione degli adulti molto bassi. Questo significa che, nonostante gli indubbi progressi raggiunti dalla scolarizzazione, le capacità essenziali di lettura e comprensione, scrittura e calcolo sono del tutto insoddisfacenti. Solo il 20% circa degli adulti italiani possiede tali capacità, secondo i dati forniti dalle indagini comparate dell’Ocse. Proprio su questo fenomeno aveva già lanciato un grido di allarme, pochi mesi fa, Tullio De Mauro dalle colonne del «Mulino» (n. 6, 2012). Vale la pena tornarci in questo momento, nel quale il Paese attraversa una delle crisi politiche più gravi della sua storia, ponendoci una domanda: può esserci un nesso tra bassi livelli di alfabetizzazione sostanziale e politica? 

Naturalmente, è bene mettere subito le mani avanti. Non c’è da aspettarsi alcun rapporto semplice e diretto tra i due fenomeni. Sarebbe ingenuo e fuorviante ipotizzare semplicemente che bassi standard culturali di base siano la causa principale della cattiva qualità della politica. In questo campo le cose sono molto più complicate.