Rivista il mulino

Content Section

Central Section

la nota
L’altra faccia di Scampia
, March 23, 2015

Periferia, prossimità, poveri: queste sono le tre «p» al centro degli interventi più recenti di papa Bergoglio. La sua visita a Scampia di sabato le assomma tutte. Di nuovo si accendono i riflettori su Scampia: ai margini della città di Napoli, agli aspetti più truculenti della vita del quartiere si sono da sempre affiancate forme quotidiane di resistenza al degrado poste in atto dai residenti, a volte anche senza il supporto delle istituzioni e delle associazioni. Queste ultime sono state spesso oscurate dalla tendenza da parte dei media a rappresentare soltanto gli aspetti negativi o, all’opposto, a glorificare alcune isolate iniziative. Per anni Scampia è stato un quartiere dimenticato. Qualcuno più informato era a conoscenza di cosa fossero le Vele e forse delle condizioni di abbandono in cui queste si trovavano. Ogni tanto se ne parlava sui giornali locali. Quelli nazionali hanno cominciato ad interessarsi al quartiere nel 1990 in occasione della visita di Papa Wojtyla e nel 1997 quando fu abbattuta la prima Vela (senza entrare troppo nel merito dei problemi della zona), e poi di nuovo in concomitanza con la sequenza di omicidi efferati legati alle faide tra camorristi per il controllo del territorio e del traffico di droga a cavallo tra il 2004 e il 2005. Da quel momento Scampia diventa il simbolo per eccellenza del degrado e della criminalità e le Vele la rappresentazione del male. Il successo internazionale di Gomorra e della successiva serie televisiva tratta dal libro di Roberto Saviano, e la conseguente difficoltà di distinguere tra finzione letteraria e documentazione dei fatti hanno fatto il resto.

Alla rappresentazione di Scampia come situazione di degrado senza via di uscita, di un quartiere asservito alla camorra e di essa complice, negli anni se ne è affiancata a più riprese un’altra, di segno opposto – talvolta non meno stereotipata della prima – che vede in esso un perenne laboratorio di campioni sportivi e di creatività artistica. Indubbiamente tenere alta l’attenzione sul lavoro educativo delle associazioni, dei parroci e degli insegnanti che si muovono sul territorio è importante. E mostrare “l’altra faccia di Scampia”, quella della prossimità, serve a far cambiare l’atteggiamento dell’opinione pubblica soprattutto nei confronti di chi ci vive. Ma ciò che sfugge ai due stereotipi contrapposti – il male dilagante e il bene che non si spegne – è l’area grigia ed estesa delle famiglie con serie difficoltà di vita: insomma la terza p, quella dei poveri. 

Anche in vista della manifestazione di Libera di sabato
La raccomandazione come terreno di cultura della mafia
, March 18, 2015

Le manifestazioni pubbliche, le folle e i giovani che riempiono le piazze delle nostre città in segno di protesta civile contro reati e delitti di mafia non possono che colmare il nostro animo di speranza, in particolare quando dietro di loro sta un impegno concreto per il riscatto dei beni sottratti alla collettività dalla mafia e recuperati invece al servizio pubblico. Ma proprio questa maturazione della coscienza nazionale e giovanile sul tema della mafia può ora consentirci di compiere un passo avanti. Non dobbiamo limitarci alla denuncia dei crimini mafiosi e delle complicità dei detentori del potere, politico o economico come se in fondo questi fossero fenomeni estranei, diavoli che possiamo respingere con esorcismi, con discorsi in piazza e lenzuoli bianchi o chiedendo leggi su leggi, nuove, ulteriori commissioni per la repressione della corruzione.

Tutto ciò, naturalmente, è necessario; e la nostra gratitudine verso tutti i volontari che si impegnano in questa lotta contro il potere mafioso e le sue collusioni è enorme. Ma non vorremmo che distogliesse dall’impegno personale a combattere comportamenti che sono dentro di noi e che si aggravano in questa situazione di disordine, resa tragica dalla crisi economica e dal malessere sociale.

Il vero e profondo terreno di cultura dei comportamenti mafiosi è la raccomandazione, particolarmente forte nel nostro Paese, a sostituire nella vita quotidiana la regola pubblica con l’affermazione dell’interesse privato tramite legami di famiglia, di clan, di Paese, di chiesa. A mio avviso è questo il vero terreno, il vero brodo in cui cresce la mafia, che non è estraneo ma spesso interno anche a chi protesta nelle piazze contro la mafia.

Al supermarket delle riforme
, March 9, 2015

C’è qualche piccolo segnale positivo nell’economia italiana, prodotto prevalentemente da cause esterne (prezzo del petrolio, cambio debole dell’euro, azione della Bce). D’altra parte, è da fuori confine che sono venuti tanti nostri guai recenti, ed è bene che da fuori confine venga qualche sollievo. Prendiamone atto, ma tuttavia senza gioire troppo. Il passo della ripresa è ancora debolissimo e soprattutto incerto; la distanza da recuperare, ad esempio in termini di posti di lavoro, ancora enorme; le cause, politiche ed economiche, della depressione europea e italiana sono ancora lì. Non è, con certezza, l’inizio di una vigorosa ripresa.

Ma un miglioramento, per quanto piccolo, aiuta: ricostruisce un po’ di fiducia; chissà se può provocare una ripresa di consumi e investimenti. Di più: può far riflettere sul nostro futuro senza l’assillo del brevissimo termine. E proprio questo ci serve: l’Italia non è solo vittima della depressione europea e delle folli politiche dell’austerità permanente che si stanno seguendo; è anche vittima di sue proprie debolezze e incertezze, ben visibili già almeno da inizio secolo, prima che la crisi internazionale e poi europea ci coinvolgesse.

Qui arriviamo su un terreno un po’ sconnesso: non c’è quasi aspetto della vita collettiva su cui non si annunci un processo di riforma. “Riforma” è diventata una parola magica, onnipresente; anche se a dir la verità il suo significato si è assai trasformato rispetto all’uso corrente nel passato; è diventato sinonimo di cambiamento in sé, senza che a volte ne siano chiare le motivazioni profonde, le finalità, le conseguenze distributive e sulla vita dei cittadini. Senza che siano chiare priorità e almeno qualche tratto di un disegno di una società e di un’economia che si vuole costruire; di un’Italia a cui si vuole arrivare.

Una democrazia capace di decidere
, March 5, 2015

Gli antirenziani della sinistra Pd dovrebbero anzitutto mettersi d’accordo con se stessi. Perché è difficile far quadrare le loro critiche contro “un Parlamento di nominati” con quelle contro Renzi dittatore, che mortifica il Parlamento impedendogli di discutere a fondo le proposte elaborate dal governo. Se il gruppo parlamentare Pd non è un’espressione della società civile – degli elettori di sinistra, nel caso – autonoma e indipendente dalle “nomine” del partito, per quale motivo, in Parlamento, esso dovrebbe avere la precedenza sulle decisioni di un governo guidato dal leader del partito, e legittimate da una stragrande maggioranza negli organi direttivi del partito stesso? Perché preferire i “nominati” al “nominante”?

Per favore, dicano come stanno realmente le cose: che, nonostante le pseudo primarie, in questo Parlamento i parlamentari erano stati nominati dalla precedente leadership del partito, prima della rivoluzione renziana. Dopo la rivoluzione una buona parte di essi si è accodata al carro del vincitore – per opportunismo o per genuino mutamento di convinzioni, qui non rileva – ma ne è restata una parte consistente che si oppone frontalmente a Renzi e agli orientamenti del suo governo: questa parte contrasta la legislazione che il governo sta cercando di far passare, continuando in Parlamento la battaglia che ha perso nel partito. Una battaglia politica, non una battaglia su sacri principi costituzionali che devono essere da tutti condivisi. Una battaglia non diversa – anche se motivata da idee politiche opposte – da quella che conducono Brunetta o la Meloni o Salvini o Grillo: anch’essi accusano Renzi di tendenze cesaristiche, di essere un dittatore. Proprio come la sinistra del Pd. 

Ai lettori
, March 2, 2015

Quando, nel febbraio del 2009, decidemmo di affiancare alla rivista su carta la rivista sul web in molti storsero il naso. “Il Mulino” c’è dal 1951 e per la stragrande maggioranza della sua vita non ha avuto bisogno di internet. Ciò nonostante, alcuni facinorosi pensarono che fosse necessaria una presenza anche nella grande Rete che tutti ci avviluppa: così nacque rivistailmulino.it.

Da allora sono trascorsi sei anni. Ma è un secolo, per come è cambiato il mondo dell’informazione. “Il Mulino” continua a essere la rivista capostipite di tutto il gruppo, che oggi pubblica 65 testate, ha un editore dalla forte presenza nel dibattito culturale, un Istituto di ricerca come il Cattaneo, indiscusso riferimento nella ricerca politica, una Biblioteca. A fronte di tale onorevole “blasone”, questa rivista è come sempre del tutto autonoma, la sua proprietà è interamente nelle mani di un gruppo di novanta intellettuali che sono soci del Mulino. Non ricorre ad “aiuti” esterni, di alcun tipo, e, tanto per abbondare in retorica, è parecchio fiera di tale autonomia. E proprio per questo, fierezza a parte, può contare solo su risorse assai limitate. È davvero un limite? Potrebbe esserlo. Ma cercheremo di girarlo a nostro favore.

Riavviando dopo qualche mese di stand-by questo sito web, non vi proponiamo un sito graficamente sfavillante, pieno di immagini, gallerie, video e altri peraltro utili strumenti della modernità 3.0. Scegliamo invece di puntare sulla qualità dei contenuti, da un lato certi di avere ancora un pubblico che sa goderne e, dall’altro, sicuri di poter contare su un parco autori unico nel suo genere in Italia.