Rivista il mulino

Content Section

Central Section

la nota
Busy people smart people
, October 26, 2015

Vi è oggi l’idea che la vita scorra a una velocità maggiore che in passato. Ci lamentiamo costantemente di non aver tempo sufficiente per fare quello che dobbiamo, di vivere a un ritmo sincopato. Il libro di Judy Wajcman Pressed for time, uscito nel 2014, si interroga su questo tema analizzando in particolare il rapporto che abbiamo con le nuove tecnologie digitali, che, tra le altre cose, dovrebbero consentire di rendere più facili e veloci i contatti, la soluzione di problemi, ecc. In realtà, parallelamente al proliferare delle tecnologie, ci ritroviamo con la sensazione di avere sempre meno tempo per noi.

Come mai la tecnologia ha reso le nostre vite sempre più affollate e piene di impegni invece di aiutarci ad alleviare i vincoli e a trovare una soluzione ai problemi? La diffusione di smartphone, tablets, ecc. produce in molti di noi la percezione di un processo di accelerazione della vita quotidiana in tutte le sue dimensioni. Molti conoscono bene il panico che suscita l’impossibilità di essere connessi e di contattare gli altri costantemente; anche se, contemporaneamente, ci si sente oppressi e prigionieri delle nuove tecnologie digitali che impongono di rispondere e connettersi tutti i giorni a tutte le ore, producendo così la convinzione che la vita oggi si svolga con ritmi intollerabilmente più rapidi e pressanti a causa delle nuove tecnologie, che vengono percepite come una delle cause principali di questa accelerazione.

Le debolezze della candidata Hillary verso le primarie di febbraio
Poco più a sinistra del centro
, October 19, 2015

«Poco più a sinistra del centro» – per riprendere il commento della prima donna ministro, Frances Perkins, a proposito delle posizioni di Franklin D. Roosevelt – è quello che si potrebbe affermare per descrivere l’agenda politica di Hillary Clinton dopo la sua performance nel primo dei sei dibattiti televisivi previsti tra i contendenti alla nomination democratica.

Ritenuta dalla maggior parte dei media americani, la candidata vincitrice del confronto con il suo avversario più temuto, il «socialista del Vermont« Bernie Sanders, e altri tre candidati, poco più che comparse (gli ex governatori del Maryland e del Rhode Island, Martin O’Malley e Lincoln Chafee e l’ex senatore della Virginia Jim Webb), Hillary Clinton sembra essersi lasciata alle spalle un’estate difficile. Un’estate segnata dalle polemiche che hanno riguardato le voci di finanziamento illecito della Clinton Foundation, le sue responsabilità politiche nell’attentato di Bengasi – che procurò la morte, fra gli altri, dell’ambasciatore americano – e, infine, le polemiche – alimentate da un partito repubblicano che non chiede altro se non un nuovo «Clintongate» – per aver utilizzato, come segretario di Stato, un server privato per gestire la posta. L’accusa è quella di aver consegnato il suo archivio ai National Archives, come prevede la legge, distruggendo posta «personale» che, probabilmente, troppo personale non era.

Non che si preveda una corsa tutta in discesa. E questo nonostante dopo il dibattito i sondaggi sulle prime elezioni primarie che si svolgeranno nel prossimo febbraio in Iowa e nel New Hampshire la vedano leggermente in vantaggio rispetto a Sanders. Rimane,

Mr. Marino va al Campidoglio
, October 12, 2015

La parabola del Marino-marziano, che per settimane ci ha piacevolmente distratto da quisquilie come la riforma della Costituzione, ammette diverse morali-della-storia. Qui di seguito ne azzardo una facile facile: la politica la debbono fare i politici, perché richiede professionalità, competenze e sensibilità – fra le quali il senso del ridicolo – non necessariamente coincidenti con quelle richieste per emergere nella società civile. Altrimenti non si capirebbe come un uomo con il curriculum di Marino, per non parlare del suo cursus honorum, abbia potuto farsi stritolare così miseramente dagli ingranaggi della comunicazione. I quali, fra parentesi, sono proprio la parte più interessante della faccenda, irriducibile ai complotti immaginati dai supporter postumi del sindaco.

La parabola del marziano potrebbe essere raccontata come un remake di Mr. Smith va a Washington (1939): il film di Frank Capra, protagonista James Stewart, in cui un boy scout viene eletto al Congresso degli Stati Uniti, su iniziativa di politicanti senza scrupoli, si ribella ai suoi burattinai e vince. Già il fatto che Marino abbia perso ci avverte quanto il remake sia distante dall’originale: come fosse stato girato da Quentin Tarantino su sceneggiatura di Homer Simpson, con Mel Gibson protagonista e immancabile macelleria finale. Persino le somiglianze fra i due plot, voglio dire, permettono di misurare la siderale lontananza fra la democrazia quasi-ideale di Mr. Smith e quel che ne resta in Mr. Marino.

Abolire le tasse: sì, ma come (e soprattutto perché)
L’«efficienza» delle tasse sulla casa
, October 5, 2015

Perché il governo ha deciso di cancellare le tasse sulla prima casa, anche e soprattutto agli italiani più abbienti? Proviamo a capirne le ragioni, punto per punto.

Primo. È una decisione che va in senso opposto rispetto alle convinzioni più volte manifestate dal primo ministro e dal ministro dell’Economia. Come documenta un articolo di Lidia Baratta apparso su Linkiesta,  ai tempi del governo Letta Renzi scriveva  che «per creare lavoro dobbiamo dare una visione per i prossimi vent’anni, il problema non è l’Imu». E nel programma del WikiPD (2011): «quel che serve è una rivoluzione copernicana del sistema fiscale che riduca la pressione sul reddito personale e sulle imprese e la accresca sugli immobili e sulle rendite finanziarie». Pier Carlo Padoan nel febbraio 2014 dichiarava a «la Repubblica»: «le tasse che danneggiano di meno la crescita sono quelle sulla proprietà, come l’Imu, mentre le tasse che, se abbassate, favoriscono di più la ripresa e l’occupazione sono quelle sul lavoro». Mentre l’attuale responsabile economico del Pd, Filippo Taddei, così si era espresso nel dicembre 2013 a proposito dell’abolizione dell’Imu: «Una discussione incredibile, una battaglia ideologica. Era evidente a tutti che si trattava di tempo perso, visto che parliamo di un’imposta pari, in media, a 250 euro a famiglia all’anno e che quasi il 30 per cento della popolazione ne era già esente».

Che cosa insegna il caso del sistema sanitario britannico
Sanità: good value for money?
, September 28, 2015

Come è possibile che un ospedale sia “inadeguato” eppure “eccellente” nel curare i malati? A porsi questa domanda, che suona del tutto ragionevole, è Rupert Brooke, uno dei medici che lavorano all’Addenbrooke Hospital di Cambridge, commentando il rapporto pubblicato a seguito di una recente ispezione effettuata dalla Care Quality Commission. Nel documento si evidenziano diversi problemi di gestione, come la mancanza di infermieri in alcuni reparti, i tempi di attesa troppo lunghi per i pazienti non ricoverati, e l’uso di apparecchiature costose e poco funzionali. Tuttavia, nello stesso tempo, si riconoscono i pregi del servizio reso dalla struttura ospedaliera, evidenziando in particolare che le cure impartite sono eccellenti. Lo sconcerto di Brooke non è dovuto soltanto all’apparente incongruenza del rapporto – lo scopo primario di un ospedale non dovrebbe essere proprio curare i pazienti nel miglior modo possibile? A seguito della pubblicazione del documento, la struttura è stata sottoposta a “misure speciali” per ovviare ai problemi rilevati. Brooke osserva che tali provvedimenti sono destinati ad aumentare i costi – gli infermieri non lavorano gratis – e questo lascia immaginare nuove “misure speciali” in un non lontano futuro.