Rivista il mulino

Content Section

Central Section

la nota
Il post-referendum di un antipatizzante
, December 20, 2016

Il simpatizzante di Viet Thanh Nguyen è uno straordinario resoconto, sospeso fra Graham Greene e il new journalism, della caduta del regime di Saigon (Vietnam del Sud, 1975). Regime stritolato nella tenaglia fra l’offensiva vietcong (l’esercito del Vietnam del Nord) e l’opinione pubblica statunitense (vedi alla voce Bob Dylan).

Il protagonista è The Sympathizer, «l’uomo con due anime», figlio naturale di una vietnamita e di un prete cattolico. Per associazione d’idee, ricordo che anche Fidel Castro, figlio di un proprietario terriero e di una serva, aveva due anime: mentre la gran parte dei politici odierni non sa neppure cosa sia, avere un’anima.

L’uomo con due anime, ça va sans dire, fa il doppio gioco. È stato spedito negli Stati Uniti dal suo mentore, capo dei servizi segreti nordvietnamiti, un po’ per imparare l’inglese, che finisce per parlare meglio degli ufficiali americani, ma soprattutto per studiare la mentalità statunitense: vanesia, arrogante, incapace di rispetto per l’altro.

Occorre appena ricordare che Apocalypse Now (1979), il grande film di Francis Ford Coppola sulla guerra del Vietnam, era tratto da Heart of Darkness di Joseph Conrad: altro uomo con doppia anima, Conrad, non foss’altro perché polacco naturalizzato britannico. Il simpatizzante è dunque il primo libro sul tema scritto da un vietnamita: un vietnamita anomalo, peraltro, visto che insegna in un’università della California.

Dopo il soggiorno statunitense, in cui finisce per capire di più degli Stati Uniti di quanto ne capiscano gli insider, il Simpatizzante viene infiltrato dai nordvietnamiti nell’esercito del Vietnam del Sud. Qui, anche grazie all’empatia con gli occupanti americani, assume un ruolo così importante da organizzare lui stesso la fuga verso gli Stati Uniti dei dignitari del regime e delle loro famiglie.

Dallo Stato sovrano allo Stato partecipato
, December 19, 2016

In un precedente intervento su questa rivista, ho avanzato la tesi che la riduzione del problema delle pensioni a dilemma tra sistema retributivo e sistema contributivo ‒ come avviene non solo nella stampa e nei talk show, ma anche in interventi di autorevoli esperti ‒ è deviante e pericoloso particolarmente in questo momento storico: quando stiamo già abbandonando, con la rivoluzione tecnologica, il sistema della fabbrica e delle strutture burocratiche sulle quali si era costruito il Welfare State nell’Ottocento, con il coinvolgimento dei lavoratori e delle imprese. Il ricorso alla tassazione generale, al fisco, diventa invece inevitabile e urgente quando le figure del produttore-lavoratore e del consumatore non coincidono più.

Ora penso sia inevitabile ampliare il discorso con una seconda tesi, mettendo in discussione le conseguenze che questa diagnosi ha ‒ se è vera ‒ nel processo generale di superamento del moderno Stato sovrano di diritto. Senza affrontare il problema della crisi dello Stato nazionale nel mondo globalizzato, devo precisare come punto di partenza che per me è in crisi lo «Stato sovrano», non lo «Stato» considerato come realtà che muta attraverso i secoli e che, persa la sovranità tradizionale, sta cercando nuove funzioni.

Qualche riflessione sul voto nel Mezzogiorno
Il Sud ignorato e ribellista
, December 12, 2016

Al referendum del 4 dicembre i cittadini del Mezzogiorno hanno votato in tanti; e, ancor più che nella media nazionale, hanno votato no.

La prima circostanza non era affatto scontata. Uno degli indicatori preferiti per stabilire che al Sud c’è poco capitale sociale è proprio il voto ai referendum, perché, a differenza di quello alle elezioni politiche, non frutta utilità al votante. Eppure, in questo caso, la percentuale è stata davvero alta. Meno che nella media nazionale, certo: ma va sempre tenuto presente che la popolazione effettivamente presente nel Mezzogiorno (e quindi in grado di votare) è inferiore a quella residente. E comunque molto più alta che in precedenti referendum. Ciò suggerisce qualche considerazione meditata. Non solo sulle misurazioni del capitale sociale, ma anche e soprattutto sulle forme contemporanee di partecipazione e di espressione della volontà popolare. Azzardo solo una riflessione: mai come oggi i normali canali di rappresentanza politica, al Sud ancor più che nel resto del Paese, sono ostruiti. Molti rappresentanti parlamentari del Mezzogiorno, specie quelli di maggioranza, sono del tutto assenti da (e oserei dire disinteressati a) i propri territori. Nell’attività parlamentare, in particolare dell’ultimo triennio, essi hanno preferito sempre e comunque esprimere fedeltà al leader, piuttosto che farsi portatori di esigenze e proposte; rinunciando anche a provare a influenzare le decisioni di politica e di politica economica quando ve ne sarebbe potuta essere occasione. L’urna referendaria è quindi divenuta l’unica forma di espressione. Ma è solo una riflessione (discutibile).

Il referendum lascia sul campo molte macerie e un Paese profondamente diviso
Ricostruire, per forza
, December 5, 2016

Una bruttissima campagna elettorale – durata così a lungo che alla fine c’è da sorprendersi che sia finita, un po’ come capita con certi parenti malati da sempre che quando muoiono ci si meraviglia fossero ancora vivi – è stata oggetto di molti commenti. Le offese, le falsità, la demagogia più pacchiana, e quando possibile la ricerca del punto debole nell’avversario per affondare meglio lo stiletto e rigirarlo nella piaga già purulenta, hanno caratterizzato tutte le parti in campo su entrambi i fronti. Molti tra i più accaniti sostenitori del «no» hanno fatto del male alla loro causa ideologizzando il voto a prescindere, mentre nel contempo i più accaniti sostenitori del «sì», spesso renzianissimi di ferro (per quanto ancora?), cacciavano in testa a forza dubbi e domande a chi già per il «sì» aveva optato. A nulla servirebbe riportare qui le perle migliori: la grande madre Rete almeno per questo serve a qualcosa.

Alla fine, la sensazione è stata quella di avere vissuto gli ultimi mesi accompagnati da un indistinto e fastidioso rumore di fondo, con livelli di decibel a volte insopportabili per l’umana creanza. Il risultato, che vogliamo credere raggiunto per via in buona parte involontaria, è stato che anche chi accusava di populismo i propri avversari lo ha fatto ricorrendo alle tipiche armi del confronto populista.

Ora che una delle due fazioni ha prevalso, e nettamente, si dirà che «l’Italia ha bisogno di ritrovarsi unita». Ma è assai difficile che dopo una simile, estenuante campagna elettorale ciò possa accadere; di certo non in tempi brevi.

Qualcuno, un quarto di secolo fa, si è illuso di essere approdato alla Seconda Repubblica; e ora si è immaginato che la Terza fosse alle porte.

Le due destre
, November 28, 2016

Semplificando molto e astraendo dalla grande varietà di casi nazionali, le destre sono due. C’è una destra liberale – in Italia diremmo liberista o mercatista – che sostiene i processi economici di globalizzazione e la concorrenza dei capitali dentro e fuori i confini di un singolo Paese. Essa è ostile non tanto allo Stato, ma alla sua interferenza in questi processi: che lo Stato intervenga attivamente per favorirli, per smantellare «difese corporative», è anzi visto con approvazione. E c’è una destra conservatrice, tradizionalistica e comunitaria – la destra del «Dio, Patria e Famiglia» – che trae i suoi consensi proprio dagli sconvolgimenti sociali che un capitalismo senza freni produce: disoccupazione e precarietà, declino di intere regioni, peggioramento nella distribuzione del reddito. Queste due destre ci sono sempre state, sin dagli albori del capitalismo moderno e della democrazia rappresentativa, a volte dando origine a un compromesso instabile nello stesso partito, a volte divise in partiti diversi e contrapposti. La divisione si manifesta quando le ragioni del mercato entrano in più forte conflitto con le ragioni della società: è allora che chi presta orecchio alle sofferenze sociali può trovare un facile consenso. Facile perché ancorato ai valori tradizionali di comunità strette, minacciate dal declino economico, da valori e atteggiamenti estranei ai loro modi di vita, dall’immigrazione.

Ciò è appena avvenuto negli Stati Uniti con la vittoria di Trump, una vittoria della destra populista contro la destra liberale.