Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Bookshelf
Paul FREEDMAN, Il gusto delle spezie nel Medioevo
, December 15, 2009

Il Medioevo coltivò una intensa passione per le spezie, che si prestavano ad essere usate nei più vari ambiti, dalla gastronomia alla medicina ai cerimoniali religiosi. Una infatuazione che fu davvero un motore di prima importanza per lo sviluppo degli scambi commerciali, le conquiste, la crescita economica.

Barbara FRALE, La sindone di Gesù Nazareno
, December 15, 2009

Un nuovo capitolo della storia complessa e affascinante della più famosa tra le reliquie. Dopo aver illustrato in un libro precedente l'ipotesi che la sindone sia stata portata in Europa e conservata segretamente dal potente ordine dei Templari, Barbara Frale esamina alcune tracce di scrittura in greco, latino ed aramaico solo da poco identificate sul lino della sindone.

Sven REICHARDT, Camicie nere, camicie brune. Milizie fasciste in Italia e in Germania
, December 15, 2009

Il libro mette a confronto per la prima volta le organizzazioni paramilitari del fascismo e del nazismo, fotografate nel momento di massima ascesa, antecedente alla presa del potere da parte dei due movimenti: il 1921-22 per le squadre d'azione fasciste, il 1929-32 per le SA, le camicie brune naziste.

Giovanni FERRI, Punziana LACITIGNOLA, Le agenzie di rating. Tra crisi e rilancio della finanza globale
, December 10, 2009

Agenzie di rating tra le più famose, Moody, Standard & Poor, Fitch hanno svolto un ruolo cruciale nel funzionamento dei mercati finanziari internazionali. In tutto il mondo i loro rating sono una delle principali preoccupazioni di debitori sovrani, autorità municipali, banche e imprese.

Giorgio NAPOLITANO, Il patto che ci lega. Per una coscienza repubblicana
, December 2, 2009

Due temi di fondo ritornano continuamente nei discorsi del Presidente Napolitano: il richiamo al «patto che ci lega», che non è puramente e semplicemente la lettera della Carta costituzionale, ma è la capacità di rinnovare questo legame facendolo rivivere nell’adesione alla storia che ci coinvolge tutti; la consapevolezza in secondo luogo che la Repubblica ha bisogno di un discorso politico pubblico che la sorregga.