Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Bookshelf
Fabrizio DI MASCIO, Partiti e Stato in Italia
, March 14, 2012

Tratto distintivo della vecchia partitocrazia, le nomine dei partiti sono sopravvissute al crollo della Prima Repubblica. Mentre la cronaca riporta sempre nuove vicende che suscitano l’ostilità dell’opinione pubblica, è finora mancata un’indagine accurata sul potere di nomina nell’epoca del bipolarismo.

Martha C. NUSSBAUM, Creare capacità
, March 14, 2012

«Se il Pil di un determinato paese cresce, ma non diminuisce il numero di persone deprivate dei diritti all’istruzione, alla salute e ad altre opportunità di realizzazione individuale, possiamo dire che quel paese progredisce?»

NORTH, WALLIS, WEINGAST, Violenza e ordini sociali
, March 8, 2012

Tutte le società devono confrontarsi con la violenza. Il modo in cui esse governano e limitano la violenza ha implicazioni enormi per il loro sviluppo economico e politico. In questa originale interpretazione della storia umana gli autori descrivono due grandi ordini: gli stati naturali e le società moderne ad «accesso aperto».

Attilio BRILLI, Dove finiscono le mappe
, March 7, 2012

«Si è visto per lungo tempo il viaggio d’esplorazione come un atto di eroica follia, il frutto delle ardimentose imprese di ulissidi della modernità, dimenticando che quell’atto è anche lo strumento attraverso il quale le potenze europee si accingevano a dare una non disinteressata forma al resto del mondo, determinandone i confini e tracciandone per la prima volta le mappe».

Ezio RAIMONDI, Le voci dei libri
, February 23, 2012

«Ogni lettura importante reca con sé i segni di una relazione straordinaria, mai pacifica, mista di inquietudine e di ebbrezza, come quando un canto si innalza d’improvviso e trova la sua armonia. Il libro allora diventa una creatura, che hai sempre a fianco e che porta nella tua vita i suoi affetti, le sue ragioni a interpellare i tuoi affetti, le tue ragioni»