Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Identità italiana
Cantiere previdenza, le pensioni di Boeri
, September 3, 2015

Durante l’estate il “cantiere previdenza” si è riaperto con una significativa novità: la “discesa in campo” del neo-presidente dell’Inps, l’economista Tito Boeri, che ha formulato alcuni principi generali per una riforma del sistema pensionistico, volta sia a garantire stabilità delle regole previdenziali nel lungo periodo, sia a rendere più equo il sistema.

Ciò che il Sud si aspetta dal masterplan di Renzi
, August 27, 2015

Ma che ci sarà nell’ormai famoso “Masterplan” per il Mezzogiorno, annunciato come iniziativa del Partito Democratico per metà settembre? Difficile trovare qualche suggerimento dalla passata elaborazione politica, che negli ultimi mesi e anni si è tenuta ben lontana dal tema. Qualche primissimo indizio può forse venire da alcune dichiarazioni recenti di esponenti del governo. 

Sanità in Sicilia: due o tre cose che so di lei
, July 30, 2015

La burocrazia regionale è la malattia mortale della sanità in Sicilia: è un castello kafkiano la cui struttura organizzativa fa lievitare i costi, minaccia la qualità dei servizi, rende la vita difficile agli onesti, ai professionisti e agli innovatori, protegge clan, lobby e gruppi mafiosi. Una buona politica di spesa e la selezione di dirigenti integri è necessaria, ma non sufficiente. Occorre riorganizzare profondamente l’Assessorato e le sue reti.

Non rottamiamo anche i prefetti
, July 27, 2015

Già il fatto, di cui siamo venuti a conoscenza in questi giorni, che esista un’associazione parasindacale dei prefetti non mi sembra proprio un segnale di ottima salute per lo Stato italiano.

Almeno per chi come a me – e forse a qualche altro in questo Paese – piace immaginarlo.

Legalizzare la cannabis
, July 22, 2015

In questi giorni è stata presentata in Parlamento una proposta di legge “bipartisan” sottoscritta da 218 parlamentari volta a legalizzare la cannabis. Di droga il Parlamento italiano si è occupato spesso, ma questa è la prima volta che lo dovrà fare non per decidere di modificare le sanzioni della legge sulla droga, ma per espungere o meno una data sostanza dalla tabella delle droghe illecite. E dovrà farlo discutendo in ogni suo punto un testo articolato.