Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Identità italiana
Lo sciopero nei servizi pubblici essenziali dopo la coda al Colosseo
“Lo stato dell’arte”
, October 13, 2015

Il destino delle regole in materia di sciopero nei servizi pubblici essenziali, in Italia, è legato a doppio filo con la vocazione turistica dell’economia, soprattutto quella che – concentrandosi a Roma capitale – è destinata ad acquisire maggiore visibilità mediatica internazionale. 

Il lungo e difficile cammino per arrivare a un testo condiviso e moderno
Una legge per le unioni civili
, October 9, 2015

L’8 di ottobre un nuovo testo sulle Unioni civili omosessuali è stato presentato dai senatori del Partito democratico in Commissione Giustizia. Con tutta probabilità salterà l’esame in Commissione, e sarà presentato direttamente in aula, senza relatore, verso metà ottobre. Il vecchio testo-base Cirinnà, fortemente ispirato dai movimenti Lgtb,

Molti pro e qualche limite nella recente «Dichiarazione dei diritti in Internet»
La proprietà dei dati personali in Rete
, October 7, 2015

La "Dichiarazione dei diritti in Internet", presentata lo scorso 28 luglio, è frutto del lavoro di una Commissione di studio promossa dalla presidenza della Camera dei deputati e composta da studiosi, esperti e semplici cittadini che hanno partecipato a una consultazione pubblica, sotto la guida di Stefano Rodotà.

La casa come strumento per escludere
, October 2, 2015

Il sindaco leghista di Bondeno, ha annunciato di voler usare la Tasi e l’Imu per tenere i migranti alla larga dal suo comune. I suoi concittadini sono avvertiti: chi li ospiterà pagherà queste due imposte (per la Tasi prima casa, governo permettendo) calcolate con le aliquote massime consentite. 

Chi amministra i beni confiscati alle mafie?
, September 30, 2015

La sinossi, come sempre. La sinossi, infatti, tra il testo originario del d.l. 4/2010, che istituiva l’Agenzia nazionale per i beni di mafia, e la legge 50/2010 di conversione di quel provvedimento sarebbe la migliore rappresentazione della partita giocata allora tra poteri dello Stato per affermare la propria governance nel settore strategico dei patrimoni sottratti alla criminalità. Governo e una parte della magistratura si sono dati battaglia sul testo di quel decreto legge,