Rivista il mulino

Content Section

Central Section

1 2 3 4 5
Jacques Le Goff
, September 18, 2014

Lo storico medievista francese Jacques Le Goff è morto il primo aprile scorso, a novant’anni. Un’età che può far supporre, a chi non sia un po’ addentro nelle cose della disciplina, che stiamo parlando di uno studioso autore di scritti ormai polverosi, e che queste righe costituiscano solo un omaggio obbligato a chi da un pezzo ha ceduto le armi a più giovani e agguerriti ricercatori.

Ezio Raimondi (1924-2014)
, July 28, 2014

Non è un caso che Ezio Raimondi amasse citare, assumendolo quale personale parola d’ordine, un detto di Lucien Febvre, secondo cui corre a tutti l’obbligo di bussare alle porte del vicino, ossia di non precludersi nessuna avventura culturale, abbattendo confini e superando di slancio le faglie e i crepacci innaturali e immotivati che separano le discipline finitime, spalancatisi per l’azione corrosiva di uno specialismo parcellizzato.

Adolfo Suárez, icona della giovane democrazia spagnola
, March 27, 2014

C’è una distanza siderale tra il giudizio che accolse Adolfo Suárez al momento della sua nomina alla presidenza del governo spagnolo da parte del re Juan Carlos I e quello che ne ha accompagnato la definitiva uscita di scena il 23 marzo. Una distanza che nessuno spagnolo nel secondo dopoguerra era riuscito finora a far segnare.

Perché ancora oggi "non è mai troppo tardi"
Alberto Manzi
, February 26, 2014

Nel 1965, al Congresso mondiale degli organismi radio-televisivi che si tenne a Tokyo, la trasmissione della Rai Non è mai troppo tardi ricevette, su indicazione dell’Unesco, il premio dell’Onu come uno dei programmi più significativi nella lotta contro l’analfabetismo. Raro esempio di programma televisivo italiano conosciuto e citato a livello internazionale da studiosi di sociologia e pedagogia dei mass-media (Antony Bates, C.W. Bending, Henri Dieuzeide, tra gi altri), gli viene riconosciuto il merito di aver contribuito alla storia della televisione educativa. 

Un ricordo
Luigi Bernardi (1953-2013)
, October 16, 2013

È stato editore, saggista, giornalista, scrittore, sceneggiatore, drammaturgo, traduttore, editor. Ha creato e diretto case editrici che hanno fatto la storia recente del fumetto italiano (L’Isola Trovata, Glénat Italia, Granata Press), scoprendo o valorizzando autori come Vittorio Giardino e Magnus. Soprattutto, con la rivista «Orient Express» Luigi Bernardi, scomparso oggi a Bologna, ha dato un contributo fondamentale al «fumetto d’autore italiano», etichetta verso cui era divenuto ben presto critico. 

1 2 3 4 5