Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Cartolina dalla Bassa modenese
Una discontinuità inaspettata
, September 13, 2019

Le elezioni europee dello scorso 26 maggio hanno portato la Lega di Salvini come primo partito in Italia: un’ascesa non del tutto inaspettata, ma sicuramente un dato importante per il nostro Paese, soprattutto in una regione quale l’Emilia Romagna,

Cartolina da Prato
Se l'operaio alle dipendenze del cinese è pachistano
, September 4, 2019

Che ci fa un piccolo imprenditore cinese in ginocchio? Perché solleva davanti alle telecamere e ai giornalisti un artigianalissimo cartello che recita “Cobas Comanda Prato, Aiuto Istituzioni”? Perché alcuni operai pachistani vengono picchiati e finiscono in ospedale insieme a un sindacalista?

Benvenuti a Prato, città di frontiera, ieri come oggi, città dove il nuovo lavorativo e imprenditoriale si presenta prima che altrove.

Cartolina da Potenza
Per 200 voti Tramutoli perse la cappa
, June 25, 2019

Poteva accadere qualcosa di sorprendente nella storia amministrativa di Potenza: due liste civiche di sinistra potevano eleggere il proprio candidato sindaco, Valerio Tramutoli, docente di Fisica dell’Università della Basilicata. Superata al primo turno la coalizione del centrosinistra (27,7%, ben 10 punti in più), Tramutoli era arrivato al ballottaggio con il candidato del centrodestra Mario Guarente,

Cartolina da Piombino
Piombino cambia veramente colore?
, June 25, 2019

Se osserviamo la cartina degli 8.000 comuni italiani colorati in base al partito che ha ottenuto il maggior numero di voti alle ultime elezioni europee, troveremo un’Italia sostanzialmente divisa in due: dal Nord fino a Lazio e Abruzzo compresi domina il verde leghista, mentre al Sud si trova ancora il giallo del Movimento 5 Stelle. Questa bicromia è guastata da poche chiazze arancioni, corrispondenti ai grossi centri urbani (Torino, Roma, Milano, Trento, Ancona, Genova) e alle province centrali dell’Emilia–Romagna e di Firenze e Siena in Toscana, dove ha prevalso il Partito democratico.

Cartolina da Bologna
Lo sgombero del Centro Mattei
, June 24, 2019

Ex Cie, hub, Centro Mattei, campo: sono molti i nomi con cui è stata chiamata la struttura di via Mattei 60, posta nella prima periferia di Bologna. Il primo nome, ex Cie, ne rispetta sicuramente la storia, e purtroppo l’architettura. Chiuso nel 2013, il Cie di Bologna è un compound cintato da alte mura, il cui cancello di ferro conserva le macchie di vernice lanciata da chi da fuori ha lottato per la sua chiusura e per i diritti delle persone lì dentro rinchiuse. Il Mattei riaprirà nell’estate del 2014.