Rivista il mulino

Content Section

Central Section

lettere internazionali
Kasserine, 15/5/2015
, May 15, 2015

Islamismo e “periferie”. L’area di Kasserine, posta al confine con l’Algeria e distante trecento chilometri da Tunisi, simboleggia il cuore profondo della “Tunisia dimenticata” ed è quella che ha sofferto in maniera più tangibile l’influenza del movimento jihadista saheliano, subendo per questo reiterate operazioni militari da parte dell’esercito tunisino.

Edimburgo, 12/5/2015
, May 12, 2015

La questione scozzese e il futuro del Regno Unito. Due questioni hanno tenuto banco nelle ultime settimane di campagna elettorale nel Regno Unito. Da un lato, la rinegoziazione della presenza britannica nell’Unione europea e, dall’altro lato, in maniera sempre più preponderante, la questione scozzese. Quest’ultima è diventata il mantra dei giorni precedenti il voto, in realtà a causa di sondaggi che si sono rivelati erronei.

Idlib, 6/5/2015
, May 6, 2015

L'offensiva islamista in Siria. Il 28 marzo le forze ribelli siriane hanno conquistato la città di Idlib, capoluogo della provincia rurale del nord ovest siriano. Il 25 aprile uno schieramento di forze simili ha conquistato la città di Jisr al-Shughour, situata in posizione strategica in quanto connette l’entroterra di Idlib con la Turchia e la costa siriana.

L'amministrazione Obama, la pratica dei targeted killings e Giovanni Lo Porto
Omicidi poco mirati
, May 5, 2015

L’uccisione del cooperante italiano Giovanni Lo Porto, vittima di un attacco “mirato” condotto dai droni americani al confine tra Pakistan e Afghanistan, ci avvicina dolorosamente a una realtà, quella dei cosiddetti targeted killings, rimasta finora troppo nell’ombra. L’uccisione di Lo Porto rappresenta un caso eccezionale che merita di essere indagato a fondo: non solo si tratta di un cittadino italiano, uno dei 38 occidentali uccisi finora tramite esecuzioni extragiudiziali,

Baltimora, 29/4/2015
, April 29, 2015

Non si fermano le proteste e gli scontri a Baltimora. Centinaia di persone continuano a scendere in strada per chiedere giustizia per Freddy Gray, il 25enne afro-americano morto dopo una settimana di agonia in seguito alle ferite riportate durante l'arresto.