Rivista il mulino

Content Section

Central Section

lettere internazionali
Qualche riflessione sul primo dibattito tra i candidati dem
Dem a confronto
, June 28, 2019

Mancano 220 giorni a martedì 3 febbraio 2020, primo appuntamento delle primarie democratiche che come da tradizione si apriranno con i caucus dell’Iowa per chiudersi il 13-16 luglio 2020 con la convention nazionale di Milwaukee, Wisconsin. Ma la corsa alla nomination è entrata nel vivo già da qualche settimana:

Alla rincorsa dell’hi-tech
, June 21, 2019

A dispetto di un tasso medio annuo di crescita del 9,5% dal 1979 al 2017 – un fatto epocale nella storia economica –, una più estesa consapevolezza dell’ascesa globale cinese e delle sue implicazioni sembra essersi fatta strada in Occidente solo di recente. La competizione globale col Regno di Mezzo si è definitivamente imposta all’attenzione di classi dirigenti e opinione pubblica in conseguenza delle tensioni politico-economiche tra le due sponde del Pacifico e della sua più significativa propaggine: quella che investe la tecnologia 5G.

Adelante Ada!
, June 20, 2019

Tutti si aspettavano che quella di Barcellona sarebbe stata una battaglia all’ultimo voto tra Barcelona en Comú (BComú), la formazione della sindaca Ada Colau, al governo della città dal 2015, e Esquerra Republicana de Catalunya (Erc), partito indipendendentista di centrosinistra che presentava come candidato Ernest Maragall, fratello dell’ex sindaco socialista Pasqual. E così è stato.

La candidatura di Joe Biden e le divisioni tra aspiranti presidenti
Tensioni fra democratici
, June 20, 2019

La mancanza di un unico candidato democratico alla presidenza degli Stati Uniti ha generato una pletora di ben 23 aspiranti. Fino allo scorso 25 aprile, quando l’ex vicepresidente di Obama, Joe Biden, ha reso pubblica la propria candidatura, i concorrenti “seri” erano tre: Bernie Sanders – che aveva ottenuto il 20% dei favori alle primarie – e le senatrici Elizabeth Warren (9%) e Kamala Harris (7%).

Washington, 20/5/2019
, May 20, 2019

Tutti pazzi per Ocasio-Cortez. La storia che si è chiusa nel 1989 è quella dell’Occidente così come lo abbiamo conosciuto sino ad allora. La fine, in altre parole, di una storia fatta da nemici riconoscibili, da confini stabili,