Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Culture
Cop21: la forza dell'esempio?
, December 14, 2015

Un accordo internazionale non è una legge. Una legge contiene due elementi, in genere – e con le dovute eccezioni: l'indicazione di un obbligo e la previsione di una sanzione per chi non vi ottemperi. Un accordo o un trattato internazionale spesso indica obblighi – obblighi di natura contrattuale, per così dire, cioè obblighi che le parti s'impegnano a rispettare –, ma non sempre, o quasi mai, prevede sanzioni.

Industria culturale e costruzione del nemico
I mostri alle porte
, December 1, 2015

I mostri, scriveva il sociologo Sergio Brancato, «sono gli indicatori sensibili, sul piano dell’immaginario, delle fasi di trasformazione globale della società». L’irruzione del mostro nell’habitat umano rappresenta la sovversione delle leggi naturali, una minaccia per la società e un’obiezione alla nostra capacità di porre un limite al caos.

Se il reality va in montagna
, November 26, 2015

Preceduto da un crescendo di polemiche fra tradizionalisti e innovatori, è andato in onda su Rai2 il reality “Monte Bianco. Sfida verticale”. Un gioco a squadre, anzi a coppie, che attraverso il superamento di prove consentirà alla squadra vincitrice di salire sulla vetta del Bianco (m. 4810). Le prime due puntate trasmesse permettono qualche considerazione su come il mezzo televisivo elabora, costruisce e veicola un’immagine dell’alta montagna.

Melium abundare? L’informazione ai tempi dei social media
Twitter e i fatti di Parigi
, November 24, 2015

A distanza di giorni dai tragici eventi di Parigi e con l’eco ancora presente di voci, immagini e storie colme di terrore e stupore, individuare il ruolo giocato dai social media in un contesto così drammatico e in rapida evoluzione implicherebbe l’avvio di una riflessione seria

Il tempo della guerra e il tempo della storia
, November 23, 2015

È venuto il tempo della guerra, pare, ma è venuto anche il tempo della parresia. Del dire la verità. Michel Foucault, nella prolusione di apertura dei suoi corsi al Collège de France nel 1970, come sempre avanzava un’idea geniale ma, come al solito, non arrivava a trarne tutte le conseguenze.