Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Bookshelf
Jon ELSTER, La spiegazione del comportamento sociale
, March 8, 2011

Se lo scienziato sociale è a suo modo un "risolutore di enigmi", questo libro è il suo prontuario. Sviluppando i contenuti di "Come si studia la società. Una "cassetta degli attrezzi" per le scienze sociali", Elster, nella sua analisi della spiegazione del comportamento sociale, conferma la propria inclinazione verso modelli di medio raggio in cui teoria e ricerca si confrontano costantemente,

Elena PULCINI, Invidia
, March 4, 2011

E’ il peccato di Lucifero invidioso dell’uomo, quello di Caino verso Abele, quello di Jago nei confronti di Otello, ma anche quello di Grimilde verso Biancaneve. Se è vero che ogni vizio comporta piacere, ciò non vale per l’invidia, veleno dell’anima che genera tormento e sofferenza: si soffre di fronte al bene e alla felicità altrui, vissuti come diminuzione del proprio essere e segno del proprio fallimento. L’invidia nasce sempre dal confronto.

Martha C. NUSSBAUM, Non per profitto
, February 27, 2011

Introduzione di Tullio De Mauro.

Assistiamo oggi a una crisi strisciante, di enormi proporzioni e di portata globale, tanto più inosservata quanto più dannosa per il futuro della democrazia: la crisi dell'istruzione. Sedotti dall'imperativo della crescita economica e dalle logiche contabili a breve termine, molti paesi infliggono pesanti tagli agli studi umanistici ed artistici a favore di abilità tecniche e conoscenze pratico-scientifiche.

Raffaele LAUDANI, Disobbedienza
, February 23, 2011

Dai moti di piazza Tien an Men al crollo del Muro di Berlino e alle proteste contro il G8 e il WTO, l'età globale è contrassegnata dalla disobbedienza, tornata sulla ribalta della storia dopo lunghi anni di silenzio. Il volume offre una ricostruzione sistematica dei modi in cui la disobbedienza è stata elaborata, sostenuta e criticata nella storia del pensiero politico occidentale.

Marco MERIGGI, Gli Stati italiani prima dell'Unità
, February 18, 2011

Il volume fornisce una ricostruzione storica delle istituzioni politiche presenti nei vari Stati della penisola tra la fine del Settecento e l'Unità d'Italia. L'attenzione al mutamento delle forme istituzionali (apparati statali, amministrazioni locali, rappresentanze di corpo o territoriali) offre la possibilità di indagare le peculiarità della transizione italiana dall'antico regime allo Stato di diritto ottocentesco.