Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Identità italiana
Bipolarismi proporzionali
, April 10, 2012

Si può discutere di riforma elettorale senza che diventi una ordalia, senza l’ebbrezza di tuffarsi nella solita marea di luoghi comuni? A vedere come sono andate sino a oggi le cose, verrebbe da dubitarne, ma vogliamo continuare a credere che qualche angolo per ragionare sia rimasto anche nel tormentato quadro della politica italiana attuale.

Una mafia più che mai impresa
, March 22, 2012

Esiste da tempo una “questione settentrionale” per quanto riguarda il fenomeno mafioso: lo testimoniano lo scioglimento delle giunte di Bardonecchia, Ventimiglia, Bordighera, Desio e le numerose indagini che hanno portato ad arresti d'ingenti proporzioni

Le primarie e la politica che cambia
, March 6, 2012

Mi scrive la mia amica Elisabetta Barrella: "Mi sa che con le primarie noi del Pd ci complichiamo la vita". Non è che le primarie complicano la vita, cara Elisabetta. È la vita che è complicata, cioè non è più quella di un tempo.

Dal complesso delle primarie (ognuna delle quali presenta caratteri specifici e nasconde dinamiche peculiari) emerge la vera novità del tempo che viviamo: i partiti (non solo il Pd) non possono più guidare questi processi.

Se il legislatore è criptico e la Gazzetta Ufficiale è introvabile
Alla ricerca della trasparenza perduta
, March 6, 2012

Non brilla per chiarezza il recente decreto-legge in materia di semplificazione e di sviluppo (9 febbraio 2012, n.5). Nonostante l’abile assemblaggio della Presidenza del Consiglio, l’eterogeneità delle proposte di ben 10 ministeri (4 proponenti e 6 concertanti: 10 uffici legislativi in azione),

Che cos’è veramente in gioco attorno alla Tav
, March 6, 2012

Quello che è sfuggito alla maggior parte dei commentatori che in questi giorni sono intervenuti sugli scontri in valle di Susa è che la Tav di cui oggi si parla è una cosa molto diversa dalla Tav contro cui la valle insorse nel 2005. Allora si trattava di un’opera imposta senza alcun confronto con i territori interessati, oggi invece siamo di fronte a un progetto che è stato ridiscusso punto per punto per ben cinque anni tra tecnici di fiducia di tutte le parti coinvolte compresi i sindaci della valle.