Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Identità italiana
Una mafia più che mai impresa
, March 22, 2012

Esiste da tempo una “questione settentrionale” per quanto riguarda il fenomeno mafioso: lo testimoniano lo scioglimento delle giunte di Bardonecchia, Ventimiglia, Bordighera, Desio e le numerose indagini che hanno portato ad arresti d'ingenti proporzioni

Le primarie e la politica che cambia
, March 6, 2012

Mi scrive la mia amica Elisabetta Barrella: "Mi sa che con le primarie noi del Pd ci complichiamo la vita". Non è che le primarie complicano la vita, cara Elisabetta. È la vita che è complicata, cioè non è più quella di un tempo.

Dal complesso delle primarie (ognuna delle quali presenta caratteri specifici e nasconde dinamiche peculiari) emerge la vera novità del tempo che viviamo: i partiti (non solo il Pd) non possono più guidare questi processi.

Se il legislatore è criptico e la Gazzetta Ufficiale è introvabile
Alla ricerca della trasparenza perduta
, March 6, 2012

Non brilla per chiarezza il recente decreto-legge in materia di semplificazione e di sviluppo (9 febbraio 2012, n.5). Nonostante l’abile assemblaggio della Presidenza del Consiglio, l’eterogeneità delle proposte di ben 10 ministeri (4 proponenti e 6 concertanti: 10 uffici legislativi in azione),

Che cos’è veramente in gioco attorno alla Tav
, March 6, 2012

Quello che è sfuggito alla maggior parte dei commentatori che in questi giorni sono intervenuti sugli scontri in valle di Susa è che la Tav di cui oggi si parla è una cosa molto diversa dalla Tav contro cui la valle insorse nel 2005. Allora si trattava di un’opera imposta senza alcun confronto con i territori interessati, oggi invece siamo di fronte a un progetto che è stato ridiscusso punto per punto per ben cinque anni tra tecnici di fiducia di tutte le parti coinvolte compresi i sindaci della valle.

Ideologia e prassi delle grandi opere
, February 29, 2012

Nel primo numero del 2006, questa rivista dedicò una intera sezione monografica a un tema cruciale. La intitolammo "Ideologia e prassi delle grandi opere".

Risulta davvero sorprendente rileggere quegli articoli a sei anni di distanza: non solo per la bravura degli autori, che seppero individuare le questioni cruciali mentre era in atto un dibattito molto acceso sulla Tav in val di Susa, ma anche per l'assoluta immobilità italiana che l'attualità di quegli articoli riletti oggi mette in chiara evidenza.