Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Identità italiana
Ambiente "protetto"
, July 10, 2014

È come se a un certo punto, a un bambino che ha provato e riprovato ad afferrare un flacone di detersivo e al quale si è sempre ripetuto di non aprirlo e di non toccarlo perché pericoloso, tossico e velenoso, si concedesse, senza una ragione apparente, non solo di afferrarlo ma anche di aprirlo e di berne il contenuto. Perché di punto in bianco considerato adatto alla sua dieta. Con il cosiddetto “decreto competitività” il governo italiano ha di fatto truccato l’etichetta. Peggio: la cancellato le scritte che si trovano per legge sulle confezioni pericolose e tossiche, così come previsto dall’Istituto superiore di sanità: «Tenere fuori dalla portata dei bambini».

Un grande obiettivo
, June 17, 2014

Nel dopo europee, ci si sofferma sull’impatto del ciclone “tranquillo” Renzi sulla politica italiana dopo un decennio pieno di amarezze e di nulla di fatto. Ha raccolto oltre il 40% dei consensi per due semplici motivi. Il primo è che ha “praticato” e non “promesso” un cambio di classe dirigente: i tele-elettori italiani, anche nelle periferie, se ne sono accorti guardando Maria Elena Boschi, Marianna Madia e tutte le altre e gli altri giovani trenta-quarantenni che hanno invaso il vertice del Partito democratico e, da lì, il governo nazionale e locale.

Per quanto riguarda l’Italia
, May 26, 2014

Oltre ad alimentare i giornali e intrattenere le chattering classes alla vigilia delle elezioni, che ci stanno a fare i sondaggisti? Mentre cerco una risposta a questa domanda, fisso tre punti che mi sono venuti in mente stamattina presto, mentre ascoltavo i risultati italiani delle elezioni europee. Tutti e tre riguardano l’Italia: per l’Europa il quadro è differenziato, e quello francese veramente preoccupante, ma occorrerà maggiore riflessione per decifrarlo. 

Chi ha votato 5 Stelle?
, May 26, 2014

Dopo una campagna elettorale estenuante, monopolizzata dalla contrapposizione tra Grillo e Renzi, un dualismo che ha quasi completamente messo in ombra Berlusconi, si apre oggi la fase del post-voto. In questo appuntamento elettorale il MoVimento 5 Stelle ha dovuto affrontare un nuovo esame di maturità, un test - superato, per usare un eufemismo, poco brillantemente - sulla sua capacità di mantenere quel consenso, trasversale ed eterogeneo, raccolto alle politiche.

Qualsiasi rabbia, qualsiasi speranza
, May 21, 2014

Grillo da Vespa, Renzi da Barbara D’Urso. Le prossime elezioni europee saranno la tomba politica di Silvio Berlusconi – già uscito sconfitto dalle urne, ma giammai tradito dalla sua base culturale, dai consumatori del suo prodotto telepolitico: persone educate per vent’anni allo spettacolo, che oggi guardano altrove, verso nuovi prestigiatori.