Rivista il mulino

Content Section

Central Section

lettere internazionali
Flensburg, 4/11/2015
, November 4, 2015

Giano nel cuore dell'Europa. La complessità del Paese tedesco è spesso messa in ombra dall’efficienza a cui esso sembra avere consegnato il proprio compito nell’Europa post-bellica. Ammirata e maledetta, al tempo stesso, per chi la guarda da fuori. A questa efficienza, alla massimizzazione della prestazione, i tedeschi vengono istruiti

Vienna, 3/11/2015
, November 3, 2015

Le sfide dei negoziati sulla Siria. Nella capitale austriaca si svolgono i nuovi incontri tra gli Stati che sono maggiormente coinvolti nella guerra in Siria. Negli scorsi anni si erano svolti incontri simili a Ginevra, con obiettivi simili: mettere fine al conflitto armato che da cinque anni dilania il Paese mediorientale e che ha causato almeno 300mila morti, sette milioni di siriani costretti a lasciare la propria casa

>> commentaries
New York, ottobre 2015
, October 30, 2015

http://iwallerstein.com/Le scelte impossibili di Obama in Medioriente. Qualsiasi iniziativa di questi giorni del presidente Barack Obama in Medioriente gli attira critiche

Niamey, 28/10/2015
, October 28, 2015

Boko Haram in Niger, fra minaccia e strumentalizzazione. Con un bilancio di più di 70 morti in due settimane, sono ripresi a fine settembre gli attacchi di Boko Haram, l'insorgenza salafita nigeriana, in Niger e in Ciad. Sono più di 50 le aggressioni perpetrate dal gruppo di Shekau in territorio nigerino dall'inizio del 2015. Per comprendere la dimensione internazionale della lotta di Boko Haram,

Preševo, 26/10/2015
, October 26, 2015

Dalla Turchia ai Balcani, un fiume di profughi. Continua senza sosta il transito di profughi lungo la Via del Mediterraneo Orientale. Termine con cui si identifica il percorso scelto da rifugiati siriani, iracheni, afghani, pakistani e libanesi, ma anche eritrei, congolesi, somali, tunisini e altri ancora, diretti verso l’Area Schengen attraverso i Balcani. Un esodo di uomini, donne e bambini, centinaia di migliaia, in fuga da guerre, persecuzioni e violenze che continuano in Asia, in Africa e in Medioriente.