Rivista il mulino

Content Section

Central Section

lettere internazionali
Madrid, 6/11/2015
, November 6, 2015

Se crescere non basta. Nell’ambito dell’Eurozona, la Spagna è l’ultimo portabandiera europeo dell’austerità e delle riforme strutturali. L’economia del Paese cresce a buon ritmo, sostenuta da una forte ripresa dell’occupazione, da salari reali in recupero e dall'aumento degli investimenti.

Flensburg, 4/11/2015
, November 4, 2015

Giano nel cuore dell'Europa. La complessità del Paese tedesco è spesso messa in ombra dall’efficienza a cui esso sembra avere consegnato il proprio compito nell’Europa post-bellica. Ammirata e maledetta, al tempo stesso, per chi la guarda da fuori. A questa efficienza, alla massimizzazione della prestazione, i tedeschi vengono istruiti

Vienna, 3/11/2015
, November 3, 2015

Le sfide dei negoziati sulla Siria. Nella capitale austriaca si svolgono i nuovi incontri tra gli Stati che sono maggiormente coinvolti nella guerra in Siria. Negli scorsi anni si erano svolti incontri simili a Ginevra, con obiettivi simili: mettere fine al conflitto armato che da cinque anni dilania il Paese mediorientale e che ha causato almeno 300mila morti, sette milioni di siriani costretti a lasciare la propria casa

>> commentaries
New York, ottobre 2015
, October 30, 2015

http://iwallerstein.com/Le scelte impossibili di Obama in Medioriente. Qualsiasi iniziativa di questi giorni del presidente Barack Obama in Medioriente gli attira critiche

Niamey, 28/10/2015
, October 28, 2015

Boko Haram in Niger, fra minaccia e strumentalizzazione. Con un bilancio di più di 70 morti in due settimane, sono ripresi a fine settembre gli attacchi di Boko Haram, l'insorgenza salafita nigeriana, in Niger e in Ciad. Sono più di 50 le aggressioni perpetrate dal gruppo di Shekau in territorio nigerino dall'inizio del 2015. Per comprendere la dimensione internazionale della lotta di Boko Haram,